Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Spirano, da 10 anni maltrattava moglie e figli: in carcere 39enne

L'uomo aveva un controllo ossessivo sulla famiglia

Ultimo aggiornamento il 7 settembre 2018 alle 14:08
Carabinieri

Spirano (Bergamo), 7 settembre 2018 - Da ben dieci anni maltrattava, violentava e minacciava la moglie e, di recente, anche i figli adolescenti. Per questo stamattina un albanese di 39 anni è stato arrestato dai carabinieri di Treviglio a Spirano, dove vive. Incensurato e di professione corriere, è stato colpito da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti in famiglia aggravati e continuati e violenza sessuale aggravata.

Le indagini, iniziate nel giugno scorso, hanno permesso di ricostruire - riferiscono gli inquirenti - «il grave quadro indiziario di colpevolezza a carico del trentanovenne, che esercitava nei confronti della moglie un vero e proprio controllo ossessivo all'interno della mura domestiche e non solo». Il gip ha quindi emesso un'ordinanza di custodia cautelare applicativa della misura massima, il carcere, nonostante l'uomo fosse incensurato. Ora è in carcere a Bergamo, dove nei prossimi giorni sarà interrogato dal gip.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.