Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Giuseppe Berera ex sindaco di Foppolo è nel mirino della Gdf

Foppolo (Bergamo), 11 settembre 2018 - L'inchiesta su Foppolo e il fallimento della società Brembo Super Ski (fallita il 24 febbraio 2017) si arrichisce di un altro capitolo. Dove, ancora una volta, il protagonista è l’ex sindaco del comune della Valle Brembana, Giuseppe Berera, 50 anni, già ai domiciliari per associazione a delinquere, turbativa d’asta, bancarotta e truffa ai danni della Regione Lombardia. E il nuovo capitolo riguarda l’accusa di peculato per cui il pm che ha coordinato tutta l’inchiesta, Gianluigi Dettori, ha chiesto il rinvio a giudizio proprio per Berera. I fatti contestati risalgono a otto anni fa. Secondo l’accusa, l’ex primo cittadino di Foppolo, allora con la qualifica di rappresentante legale pro tempore della Brembo Super Ski, società a completa partecipazione pubblica, si era appropriato fraudolentemente di una somma di denaro pari a 55.740,45 euro per il pagamento parziale relativo all’acquisto della propria abitazione privata, realizzata dalla società Rubner Haus spa.

In particolare, dalle indagini è emerso che Berera nel periodo compreso tra il 10 maggio del 2010 e il 17 gennaio 2011 aveva emesso assegni con il denaro tratto dal conto corrente intestato proprio a Brembo Ski. Assegni poi serviti per aprire altri conto correnti in tre banche (filiali a Olmo il Brembo, Branzi e San Pellegrino Terme). Le cifre erano di 14mila euro, 10mila euro, 10mila euro, e 21 mila euro. Tre a favore dello studio legale associato Migliucci, incaricato dal creditore di recuperare le somme a lui dovute, e uno, quello da 21mila a favore della società Rubner Haus, quale pagamento dilazionato della propria abitazione privata. Berera aveva ricondotto il tutto, respingendo quindi le accuse, a semplici affari aziendali, pagamento di debiti della società Brembo Ski.

Sentito  per un commento, l’avvocato che difende Berera, Enrico Pelillo, non ha voluto rilasciare nessuna dichiarazione. Cosa ampiamente prevedibile vista la delicata fase che sta attraversando il procedimento. Intanto oggi, salvo imprevisti, dovrebbe tenersi l’asta di Brembo Ski che è di 6milioni e 954mila euro. La società degli impianti si prepara a cedere i beni, ma i curatori hanno già annunciato che se l’asta dovesse andare deserta (ipotesi tutt’altro che remota) daranno seguito al terzo esercizio provvisorio per garantire a Foppolo e al suo comprensorio sciistico di poter “funzionare” durante la prossima stagione invernale che scatterà tra circa tre mesi in corrispondenza del ponte dell’Immacolata.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.