Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
6 feb 2021

Distanze minime dai luoghi sensibili Non valgono per le sale scommesse

Osio, i giudici del Tar accolgono il ricorso di una società che si era vista respingere la richiesta d’apertura

6 feb 2021
Le norme approvate dalla Regione non riguardano le sale scommesse, ma quelle con slot machine
Le norme approvate dalla Regione non riguardano le sale scommesse, ma quelle con slot machine
Le norme approvate dalla Regione non riguardano le sale scommesse, ma quelle con slot machine
Le norme approvate dalla Regione non riguardano le sale scommesse, ma quelle con slot machine
Le norme approvate dalla Regione non riguardano le sale scommesse, ma quelle con slot machine
Le norme approvate dalla Regione non riguardano le sale scommesse, ma quelle con slot machine

Le distanze minime dai luoghi sensibili come chiese, scuole, ospedali, impianti sportivi e Case di cura, stabilite dalla legge regionale 2013 per l’installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito, non possono essere applicate alle sale scommesse ma solo alle sale con slot machine. E’ la motivazione della sentenza, che farà sicuramente discutere, con la quale i giudici del Tribunale amministrativo regionale di Brescia hanno accolto il ricorso della società Mak srls, che nell’agosto del 2019 aveva presentato istanza di autorizzazione per aprire una sala scommesse ad Osio Sotto, richiesta che era stata respinta dalla Questura di Bergamo sulla base di quanto comunicato allora dall’amministrazione comunale: il punto dove era prevista la sala scommesse non rispettava le distanze minime, 500 metri, dai luoghi sensibili previsti dalla legge regionale del 2013 e nemmeno dai luoghi sensibili fissati dal Regolamento per il contrasto al fenomeno della ludopatia approvato dal Consiglio comunale di Osio Sotto (dopo essere stato varato dall’Ambito di Dalmine), che, alla categoria “luoghi sensibili”, aveva aggiunto anche sportelli bancari, postali o bancomat. Entrambi i motivi, però, sono stati contestati dalla Mak e le sue contestazioni sono state ritenute valide e accolte dai giudici del Tar. "La Regione - si legge nella motivazione della sentenza - nella legge in cui impone il rispetto delle distanze minime fa riferimento solo alla nuova installazione di apparecchi per il gioco d’azzardo lecito", che descrive questi apparecchi come quelli che "si attivano con l’introduzione di moneta, il costo della partita non supera un euro, la durata minima della partita è di 4 secondi e che distribuiscono vincite in denaro di valore non superiore a 100 euro". Le distanze minime, pertanto, non possono essere applicate alle sale scommesse, bensì solo alle sale con slot machine. Il Tar ha anche dichiarato nulla la parte del Regolamento per il ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?