L’esecuzione di un test sierologico
L’esecuzione di un test sierologico

Nembro (Bergamo), 1 luglio 2020 - Prendono il via oggi i test sierologici a tappeto in media Valle Seriana, il territorio della Bergamasca più colpito dall’emergenza Covid-19, la zona dove, il 23 febbraio, è partito il contagio nella nostra provincia con i primi due pazienti risultati positivo al pronto soccorso dell’ospedale di Alzano Lombardo. Il progetto della campagna di screening, che è stato messo a punto da Ats Bergamo insieme a Regione Lombardia e con le amministrazioni comunali, sarà gratuito e durerà fino al 1 agosto. Avrà come bacino una popolazione di circa 53mila abitanti, dai 18 anni in su. Si inizia in tre diverse postazioni: al palasport di Piazza Papa Giovanni Paolo II di Alzano fino al 15 luglio potranno sottoporsi alle analisi i residenti nei comuni di Alzano e Ranica; alla scuola primaria di Albino, invece, saranno dirottati fino alla metà di luglio i cittadini di Albino e Pradalunga e, a partire dal 16 luglio, i residenti di Alzano, Aviatico, Nembro, Ranica, Pradalunga, Selvino e Villa di Serio; alla scuola Maria Gritti Zilioli di Nembro, infine, fino al 15 luglio potranno presentarsi i cittadini di Aviatico, Nembro, Selvino e Villa di Serio.

I prelievi saranno effettuati dalle Asst Bergamo Papa Giovanni XXIII, Ovest e Est a disposizione di ciascun centro dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 12,30 e dalle 13 alle 16,30.Dal 16 luglio fino al 1 agosto saranno poi aperti due nuovi centri, quelli della palestra Isis Valle Seriana di Gazzaniga e della scuola primaria di Leffe, dove potranno effettuare i test sierologici i cittadini di Cene, Colzate, Fiorano al Serio, Gazzaniga, Vertova, Casnigo, Gandino, Cazzano S.Andrea, Leffe e Peia. Per aderire alla campagna i cittadini possono prenotare l’esame sul sito www.sierologicovalseriana.it . Intanto l’assessore regionale al Welfare Gallera ha annunciato che "tutti i cittadini che hanno avuto il Covid faranno gratis tutti gli esami e le visite con prescrizione medica, beneficiando di una esenzione regionale in attesa che il Governo la introduca a livello nazionale. Riguardano in particolare le visite infettivologiche, pneumologiche, cardiologiche, neurologiche, fisiatrica ed ematologica con gli esami diagnostici ad esse collegate. Inclusi colloqui psicologici clinici", conclude.