Quotidiano Nazionale logo
15 mag 2022

“Autonomie possibili”, c’è un progetto per i soggetti con fragilità

Brignano, presentate le iniziative per aiutare chi è più in difficoltà a trovare occasioni di lavoro e di inserimento sociale

Autonomia e indipendenza, ecco i due vocaboli che escono dal dizionario per diventare termini di realtà e di concretezza. E siccome hanno bisogno di effettiva partecipazione, hanno trovato non solo solidarietà ma fattiva opportunità nel Consorzio Fa, sede a Brignano, dal quale con le 3 tappe inaugurali di ieri hanno preso il via le occasioni di lavoro per un primo gruppo di persone, del territorio, portatori di fragilità psicologica, neomaggiorenni usciti da comunità educative e giovani madri. Il tutto rientra nel progetto che il Consorzio Fa – non nuovo a simili iniziative - sta sviluppando: è il progetto “Autonomie possibili“ che ha portato all’avvio di queste occasioni di autonomia e indipendenza, al quale hanno dato sostegno il gruppo Intesa San Paolo in collaborazione con la Fondazione Cesvi, cittadini e imprese, attratti dal valore di una solidarietà attiva. Sono 3 i luoghi inaugurati, in paesi vicini fra loro nella Bassa, Brignano, Cologno e Lurano con il coinvolgimento di persone già seguite dal Consorzio nelle diverse strutture con sede nei Comuni. Di che cosa si occupano le persone coinvolte nel progetto lavorativo, via via una cinquantina? Ecco le tappe del percorso. A Cologno al Serio, alla comunità educativa, è il turno degli orti didattici che portano il nome di “Il girasole“. Secondo luogo di riferimento il “Villaggio Solidale“ di Lurano, fiore all’occhiello del Consorzio Fa dove operano il centro cottura e la sartoria-stireria industriale Sfa (Servizio formazione autonomia); infine al Centro Sportivo di Brignano col “food truck“ tramite un attrezzato Apecar per preparare “street food“. Il presidente del Consorzio, Francesco Fossati, sottolinea il valore della possibilità di rinascita, dell’autonomia, cardini dell’impegno e del progetto finanziato attraverso la piattaforma di crowdfunding di Intesa San Paolo: sono stati raccolti, dalla Banca e da vari altri donatori, 150 mila euro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?