Gianpiero Gasperini
Gianpiero Gasperini

Bergamo, 10 febbraio 2019 - Vietato distrarsi. E perdere punti in casa. L’Atalanta oggi alle 15 riceve in casa la Spal. Per una partita da vincere per forza, anche per tenere il passo della Lazio e della Roma che hanno vinto nei rispettivi anticipi. «Ma noi non dobbiamo farci stressare dai risultati degli altri e in questo momento neppure dalla classifica, perché mancano ancora 16 giornate. Sono troppe. Ci sono troppi punti in palio e troppe squadre in corsa. Noi dobbiamo solo pensare a fare risultato e questa con la Spal è una partita che dobbiamo portare a casa», è il ragionamento di Gian Piero Gasperini. Consapevole che finora la Dea ha raccolto più punti (20) lontano da casa.

«È dipeso anche dal calendario, perché in casa abbiamo affrontato tutte le più forti. Giocheremo in casa 9 partite su 16 da qui alla fine e, a parte le gare conMilan e Fiorentina delle prossime settimane, per il resto troveremo tutte squadre della seconda metà della classifica. Squadre come la Spal. La strada per l’Europa passa dai nostri risultati in casa». Gasperini rispetta la Spal, squadra che l’Atalanta in un anno e mezzo non ha mai battuto: due pareggi nel 2017-18, una brutta sconfitta per 2-0 a Ferrara lo scorso 17 settembre con doppietta dell’ex Petagna. «A Ferrara - ha ricordato Gasp - abbiamo giocato la nostra peggior partita stagionale, l’unica in cui siamo mancati come presentazione. Ma è passato parecchio tempo da quella partita. Loro avevano fatto una partenza sprint, con tre vittorie in quattro giornate, mentre noi eravamo reduci dall’eliminazione in Europa League. Da allora la situazione si è ribaltata. Ma la Spal è una squadra difficile da affrontare, hanno un bravo allenatore, hanno ottimi giocatori e dobbiamo giocare al nostro meglio». Attesi per la prima volta a Bergamo da ex Jasmin Kurtic e Andrea Petagna: per loro ci sarà un’accoglien