Papu Gomez
Papu Gomez

Bergamo, 29 luglio 2018 - È il tormentone dell’estate atalantina, un tormentone destinato a trascinarsi anche ad agosto, quello legato alla telenovela tra la Lazio e il “Papu” Gomez. Canovaccio finora basato sul nulla, perché dalla società di Lotito non è mai arrivata alla Dea nessuna vera offerta per il capitano nerazzurro e il diretto interessato non ha mai chiesto di essere ceduto. Per l’Atalanta il giocatore è fuori dal mercato, in una parola: incedibile. Per un duplice ordine di ragioni. La prima è tattica: senza il “Papu” andrebbe rivisto l’intero modulo di Gasperini, che lo ritiene fondamentale per il suo gioco e non accetterebbe mai una sua cessione ad agosto, a squadra fatta e stagione avviata. La seconda è legata all’affetto della gente bergamasca per l’argentino, l’uomo simbolo dell’ultimo quadriennio nerazzurro.

Una tifoseria che ha frantumato proprio ieri il record di abbonamenti della scorsa stagione, superando la soglia delle 14.300 tessere sottoscritte, non accetterebbe di buon grado la cessione del calciatore più amato.Eppure dalla sponda biancoceleste di Roma continuano a rimbalzare voci sull’affare, voci che hanno ripreso a girare dopo il pareggio 2-2 contro il Sarajevo che ha complicato la corsa europea dell’Atalanta. Secondo gli spifferi di mercato, se giovedì sera la Dea dovesse uscire dall’Europa League si aprirebbe una porta per l’uscita di Gomez, che a 30 anni vuol giocare le coppe europee. Fantamercato? Probabile. Anche perché Gomez ha espresso pubblicamente il desiderio di poter un giorno a giocare in un club di Champions League, vetrina che la Lazio per questa stagione non può offrirgli.

Sicuramente al momento l’unico pensiero del “Papu”, come ha scritto lui stesso su Instagram, è la partita di giovedì a Sarajevo, dove rischia di arrivare non al meglio. Uno scontro fortuito contro un difensore bosniaco gli ha lasciato un trauma al perone: ieri il fantasista ha lavorato a parte con il fisioterapista, restando a guardare i compagni (unico altro assente Ilicic, ancora fermo per l’influenza) impegnati sul campo del centro sportivo di Zingonia in un’amichevole contro la Virtus Bergamo. Una sgambata contro una formazione di serie D, chiusa con un comodo 3-0 (Djimsiti, Pasalic e Zapata i marcatori), in cui Gasperini ha potuto reinserire Freuler e schierare il nuovo acquisto Pasalic da trequartista e Zapata da prima punta, con Tumminello in supporto all’inizio (prima di uscire per una storta alla caviglia) e a seguire Cornelius, giocatore che resta sul mercato. Intanto la Dea continua a inseguire l’esterno campano Enrico Brignola del Benevento.