Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 dic 2021

Atalanta stanca e imbrigliata nella ragnatela del Genoa: 0-0

La squadra di Shevchenko ferma la Dea, zavorrata dalle troppo assenze. Malinovskyi e Miranchuk non incidono

21 dic 2021
fabrizio carcano
Sport
Atalanta's coach Gian Piero Gasperini gesture during the Italian Serie A match, Genoa CFC vs Atalanta BC at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 21 december 2021.
ANSA/LUCA ZENNARO
Tutta la delusione di Gian Piero Gasperini
Atalanta's coach Gian Piero Gasperini gesture during the Italian Serie A match, Genoa CFC vs Atalanta BC at Luigi Ferraris stadium in Genoa, Italy, 21 december 2021.
ANSA/LUCA ZENNARO
Tutta la delusione di Gian Piero Gasperini

L’Atalanta, stanca e con qualche assenza di troppo, rallenta in questo finale di anno. Sabato la sconfitta casalinga contro la Roma, stasera un pareggio 0-0 nel freddo di Marassi, contro un buon Genoa che si lascia alle spalle un mese nero con appena un solo punto in sei giornate di gestione Shevchenko, e rialza la testa con una prestazione coriacea.

Dea a corto di energie fisiche e nervose, dopo un tour de force da 24 partite in quanto mesi esatti, senza gli assenti Toloi, Maehle e Gosens, senza l’infortunato Zapata dall’intervallo, con gli attaccanti con le polveri bagnate, che finisce imbrigliata nella ragnatela genoana ben preparata tatticamente da Sheva. Partita a senso unico, con manovra condotta sempre dall’Atalanta, padrona indiscussa nel possesso palla e nella pressione. Gara senza sussulti, con i portieri poco impegnati in un tempo con la Dea a spingere senza mai mettere in pericolo la porta difesa da Sirigu e il Genoa che non impegna mai Sportiello. Davanti Malinovskyi e Miranchuk inventano poco, Zapata lotta ma è solo e a tre minuti dall’intervallo è costretto a fermarsi per un guaio muscolare inguinale.

Ripresa con Muriel a dare qualità e De Roon a portare grinta in mezzo, mentre il Genoa resta barricato nella sua area assediata e gli attaccanti bergamaschi faticano concludere.
Gli ingressi di Pasalic e Ilicic non cambiano il ritmo, con il Genoa che mantiene l’area inviolata: nel finale Gasp cerca il tutto per tutto inserendo anche il giovane Piccoli che è pericoloso di testa, come Demiral, ma Sirigu è attento e il Grifone strappa un pari meritato. Dea che chiude il suo girone di andata certa del quarto posto, con un bottino di 38 punti che rappresenta il nuovo record nerazzurro nelle prime 19 giornate dopo i 36 dello scorso anno e i 35 della stagione precedente. Atalanta che vira la boa di metà con due punti più dello scorso anno, ma delusa da un finale di anno sotto tono con la sconfitta casalinga sabato contro la Roma e questo pareggio a reti bianche sul campo di un Genoa terzultimo.

GENOA-ATALANTA 0-0
Genoa (3-5-2): Sirigu 6,5; Biraschi 6,5, Bani 6,5, Vasquez 6,5; Cambiaso 6, Sturaro 6,5 (87’ Hernani sv) , Badelj 6,5, Portanova 6,5 (87’ Melegoni sv), Criscito 6,5 (66’ Ghiglione 6); Destro 6 (72’ Pandev 6), Ekuban 6,5. All. Shevchenko 6,5
Atalanta (3-4-2-1): Sportiello 6; Djimsiti 6, Demiral 6,5, Palomino 6; Hateboer 6, Freuler 6 (46’ De Roon 6), Koopmeiners 6 (84’ Piccoli sv ), Zappacosta 6; Malinovskyi 5,5 (65’ Ilicic 6) , Miranchuk 5,5 (65’ Pasalic 6); Zapata 6 (44’ Muriel 5).mAll. Gasperini 6

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?