Gian Piero Gasperini (Alive)
Gian Piero Gasperini (Alive)

Bergamo, 30 agosto 2018 - Dentro o fuori. Questo pomeriggio alle 18.30, al Telia Parken Stadium di Copenaghen, l’Atalanta si gioca l’Europa League. Dopo lo 0-0 di sette giorni fa a Reggio Emilia ai nerazzurri basta un pareggio con gol per strappare l’accesso ai gironi della coppa che scatteranno da fine settembre. Gara cruciale per la stagione della Dea, che sarà seguita da 700 tifosi che oggi saliranno in Danimarca, la maggioranza con i charter, mentre i ragazzi della curva Nord hanno scelto un’epico viaggio in bus partendo ieri pomeriggio.

C’è ottimismo ed entusiasmo tra i nerazzurri, ancora imbattuti in questo primo mese di stagione in cui hanno raccolto quattro vittorie e tre pareggi. E il 3-3 di lunedì sera contro la Roma, giocando con un’inedita formazione B composta da quasi tutte riserve, ha confermato che l’Atalanta sta bene, di gambe e di testa, e oggi può giocare sapendo di avere a disposizione due risultati su tre. Basterà solo non perdere, come ha ribadito anche ieri Gian Piero Gasperini: «Per andare fuori dobbiamo perdere, perché con un pareggio si va ai supplementari, mentre il Copenaghen deve vincere, per cui il nostro obiettivo è fare gol. Cosa che non ci è riuscita nell’andata. È una qualificazione apertissima».

Atalanta che giocherà con la stessa formazione vista all’andata a Reggio Emilia, con il 3-4-1-2, con l’intoccabile Gomez davanti in coppia con Barrow o Zapata (favorito il gambiano) e Pasalic da trequartista con la diga De Roon-Freuler alle sue spalle. Unico dubbio in difesa tra Palomino e Mancini, in porta confermato Gollini. Idee chiare per Gasperini che cerca di allentare la pressione sui suoi: «Non ci giochiamo la stagione ma questo momento di stagione, che per noi è importante. Lavoriamo per questo obiettivo da due mesi, finora abbiamo fatto tutto al meglio, poi sapevamo fin da luglio che ci sarebbe stato un momento in cui ci saremmo giocato l’Europa In novanta minuti. E arriviamo a questa sfida pronti e carichi. Il Copenaghen? In casa fa ottimi risultati e ha una mentalità più offensiva, ma ormai li conosciamo».

LE FORMAZIONI

COPENAGHEN (4-4-2): Joronen, Ankersen, Vavro, Bjelland, Boilesen; Skov, Zeca, Thomsen; Fischer, Sotiriou, N’Doye. All.: Solbakken
ATALANTA (3-4-2-1): Gollini, Toloi, Palomino, Masiello; Hateboer, Freuler, de Roon, Gosens; Pasalic, Barrow; Gomez. All.: Gasperini
Arbitro: Sidiropoulos (Gre)