Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Atalanta fuori dall'Europa League, Gasperini: "Troppe occasioni sbagliate"

Il tecnico deluso dopo l'eliminazione contro il Copenaghen: "Ma le partite a eliminazione diretta sono così"

di FABRIZIO CARCANO
Ultimo aggiornamento il 31 agosto 2018 alle 10:26
Gian Piero Gasperini a Copenaghen (Ansa)

Bergamo, 31 agosto 2018 - La corsa europea dell’Atalanta è finita tra i cori di festa sugli spalti del Parken Stadium dei 18mila supporters del Copenaghen e gli applausi dei 700 atalantini saliti in Danimarca a Gomez e compagni.

Applausi sinceri, nonostante la delusione, perché l’Atalanta ha dominato nell’arco delle due sfide, cedendo soltanto all’ultimo rigore. «Le partite ad eliminazione diretta purtroppo sono queste, hanno una tensione diversa rispetto a quelle dei gironi dove hai delle possibilità di rimediare o rispetto a quelle del campionato. In queste gare secche conta la precisione e la freddezza negli episodi singoli. Abbiamo avuto 34 palle gol in due partite ma purtroppo non siamo riusciti a concretizzarne nemmeno una e paghiamo questo» spiega nel dopo gara un deluso Gian Piero Gasperini, che non teme un contraccolpo psicologico per i suoi dopo questa eliminazione. «Assolutamente no. Questa è una squadra che reagisce, ho giocatori determinati e motivati: abbiamo lavorato per due mesi per raggiungere l’Europa League, con viaggi lunghi, giocando con il caldo e su campi difficili. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, che hanno fatto tutto quello che bisognava fare. Ci è mancato solo il gol ma il calcio è questo e le partite a eliminazione diretta sono queste».

Da domani per l’Atalanta comincia una nuova stagione con due fronti: serie A e Coppa Italia. «Adesso siamo delusi, è chiaro, ma da domani torniamo a pensare al campionato. Sapendo che in campionato ci sono squadre molto forti, ma che possiamo giocarci al meglio le nostre possibilità. A questo punto giocheremo per fare il massimo campionato. Da domani lavoriamo per questo».

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.