Gian Piero Gasperini
Gian Piero Gasperini

Bergamo 4 aprile - L’Atalanta terza in classifica non è una sorpresa di Pasqua. Non può essere una sorpresa una squadra che negli ultimi due anni è arrivata terza, vincendo il girone di ritorno. La vera sorpresa, l’unica forse, è pensare ad una Dea da secondo posto, all’inseguimento dell’Inter in una scia tutta lombarda e tutta nerazzurra. Troppo tardi ormai per lo scudetto, decisiva è stata la sconfitta di una mese fa nel confronto diretto a San Siro.

L’Atalanta adesso vuole il secondo posto mai raggiunto in 114 anni di storia atalantina. Il Milan, battuto all’andata al Meazza per 3-0, è a due punti e l’ultima di campionato verrà a Bergamo, ma la Dea spera di agganciarlo e scavalcarlo prima. La squadra di Gian Piero Gasperini da dicembre sta viaggiando con il turbo: due sole sconfitte con la Lazio a gennaio e poi appunto con l’Inter, un paio di passi falsi nei pareggi casalinghi con Genoa e Torino, per il resto solo vittorie.
Sette vinte nelle ultime otto giornate.

Ma il dato che risalta di più è la crescita dei nerazzurri da inizio dicembre: alla decima giornata la Dea era nona in classifica con 14 punti, 18 gol segnati ed un ritardo di dodici lunghezze dalla capolista Milan. Oggi l’Atalanta ha 58 punti con 68 gol segnati: in 19 giornate ha raccolto 44 punti segnando 50 gol. Numeri impressionanti, grandi quanto i rimpianti: con una partenza migliore nelle prime dieci giornate oggi la Dea potrebbe lottare per il titolo.

Ma ora il vero obiettivo è il secondo posto. “E' giusto alimentare le nostre ambizioni, anche se nessuna big rispetto all'anno scorso è attardata. Che possiamo puntare alla qualificazione alla Champions lo dice la classifica, comunque cortissima, e gli scontri diretti giocati con le più forti, dove abbiamo fatto spesso bene. Abbiamo la testa libera e siamo motivati per centrare nuovamente un obiettivo del genere", ha chiosato ieri Gian Piero Gasperini dopo la vittoria per 3-2 sull’Udinese.  Godendosi una squadra in salute, convinta e motivata.

Ora l’Atalanta è attesa da un trittico impegnativo con le trasferte sui campi della Fiorentina e della Roma inframezzate dallo scontro casalingo contro la Juventus. Tre partite per verificare la concretezza delle ambizioni da secondo posto dei bergamaschi nerazzurri.