Malpensa (Varese), 29 marzo 2017 - Un grande giorno per l’aeroporto di Malpensa: ieri, dopo cinque anni, Air France-Klm ha ripreso l’attività nello scalo varesino. Un segnale importante per l’aeroporto che sembra essersi lasciato alle spalle gli anni difficili, segnati dal dehubbing e dall’addio di Alitalia. Grandi compagnie e vettori low cost leader del settore continuano a investire, confermando la fiducia sullo scalo che ha ancora ampi margini di crescita. Ieri taglio del nastro per l’inaugurazione del nuovo volo Malpensa– Parigi Charles De Gaulle, presenti all’evento Giulio De Metrio, dirigente di Sea e Barry ter Voert, vice presidente senior Europa del gruppo Air France-Klm.

«Oggi è uun giorno di festa per noi – ha esordito De Metrio - accogliamo felicissimi Air France- Klm, per noi sono i clienti ideali. Il ritorno corona il lavoro fatto da Sea per far crescere l’aeroporto che conferma l’incremento del traffico, in salita da 22 mesi, speriamo di poter condividere con Air France-Klm risultati altrettanto soddisfacenti nei prossimi mesi». Il primo volo da Parigi ha portato a Malpensa Barry ter Voert: «La presenza del nostro Boeing 787 sulla pista di Malpensa conferma l’impegno del nostro gruppo sull’area di Milano. La riapertura dei voli su Malpensa è un’opportunità per espandere la presenza di Air France-Klm nel nord ovest dell’Italia in continuità con i nostri voli da Linate». Si tratta di nove collegamenti al giorno, cinque per Parigi, quattro per Amsterdam Schiphol, un aumento di voli da Milano grazie al quale, ha sottolineato ancora Barry ter Voert «offriamo ai passeggeri la possibilità di raggiungere 178 destinazioni in tutto il mondo con un tempo di coincidenza a Parigi e Amsterdam inferiore alle due ore». Il volo per Parigi da Malpensa è stato effettuato con il Boeing 787 – 900, entrato da poco nella flotta di Air France e ieri atterrato per la prima volta in Italia. Dopo il taglio del nastro per i presenti all’evento è stato possibile visitare l’aeromobile poi decollato per Parigi.