Busto Arsizio (Varese), 15 febbraio 2017 - I poliziotti sono intervenuti per una lite tra fidanzati, ma hanno scoperto un clandestino e lo hanno arrestato. Poco prima della mezzanotte di ieri, una volante del commissariato di Busto Arsizio è intervenuta in un appartamento di via Eritrea poiché una giovane donna italiana aveva richiesto aiuto per una lite con il fidanzato.

La ragazza, piuttosto agitata, ha spiegato agli agenti di avere appena litigato per futili motivi con il suo ragazzo che però, prima dell’arrivo della volante, si era allontanato in preda all’ira. Gli agenti, non del tutto convinti della versione della donna, hanno deciso di approfondire gli accertamenti, anche perchè hanno percepito dei rumori provenienti da un’altra stanza. Spostatisi in camera da letto, hanno scoperto un uomo che tentava di nascondersi, accovacciato tra il letto e il comodino.

Gli agenti lo hanno identificato come un cittadino albanese di 32 anni e hanno verificato che era già stato espulso dall’Italia. Era effettivamente tornato in Albania come gli era stato ordinato ma, violando il provvedimento e la legge, era illegalmente rientrato nel nostro Paese. La donna a quel punto ha spiegato che lo straniero è il suo ragazzo conosciuto tramite chat, che avevano litigato ma lei, sapendo che era clandestino, all’arrivo della polizia lo aveva fatto nascondere in camera da letto. Il gesto d’amore non ha evitato all’uomo di essere arrestato per la violazione della normativa sull’immigrazione.