Castellanza (Varese), 14 giugno 2017 - Un quarantenne di Castellanza, titolare di una società operante nella stipula di contratti telefonici per la fornitura di energia elettrica e gas, è stato denunciato dai carabinieri di Busto Arsizio per i reati di truffa aggravata, sostituzione di persona e illeciti in materia di lavoro. Secondo quanto ricostruito dai militari, l'uomo avrebbe presentato 256 contratti fasulli alle aziende per cui aveva in appalto la vendita telefonica di forniture, apparentemente firmati da ignari cittadini, titolari di società o amministratori di condominio della provincia di Varese, per i quali avrebbe intascato provvigioni per circa 24mila euro.

I carabinieri sono arrivati a lui in seguito alla denuncia presentata dal legale rappresentante della società di servizi, insospettito dai numerosi contratti rescissi da parte di presunti nuovi clienti. Nell'abitazione e nell'ufficio del 40enne i militari hanno sequestrato documentazione e personal computer, ora al vaglio della Procura di Busto Arsizio. Esaminata la gestione della sua società, all'uomo sono stati contestati anche illeciti nella formazione e informazione del personale, oltre della presenza di un lavoratore non regolarmente assunto.