Milano / Bergamo / Brescia / Como / Cremona / Lecco / Legnano / Lodi / Monza Brianza / Mantova / Pavia / Martesana / Rho / Sesto / Sud-Milano / Sondrio / Varese

"Il Pretore di Cuvio", provini in dialetto

Aspiranti giudicati dall'attrice Sarah Maestri

La giornata dei provini per scegliere le comparse de «Il Pretore di Cuvio», il film tratto dall’omonimo romanzo di Piero Chiara, vincitore nel 1973 del premio «Campione d’Italia», è appena iniziata, ma la fila degli aspiranti attori aumenta di continuo

di Giuseppe Di Matteo

Provini "Il ppretore di Cuvio"
Provini "Il ppretore di Cuvio"

Luino, 21 giugno 2013 - «Sta andando alla grande. Già più di cento persone, ma se si continua così facciamo il pienone». Sarah Maestri, l’attrice di Luino che ha vestito i panni di Alice nel film «Notte prima degli esami», non sta nella pelle. La giornata dei provini per scegliere le comparse de «Il Pretore di Cuvio», il film tratto dall’omonimo romanzo di Piero Chiara, vincitore nel 1973 del premio «Campione d’Italia», è appena iniziata, ma la fila degli aspiranti attori aumenta di continuo.

La sede scelta per il casting - alla fine saranno oltre 200 - era il palazzo della Camera di Commercio di Varese. «È un successo che non mi aspettavo - ribadisce Maestri - Il film vuole essere un omaggio non solo a Piero Chiara, che più di ogni altro ha raccontato il nostro territorio, ma anche alle città di Varese e Luino, dove verranno girate le scene. Mi riempie d’orgoglio anche il fatto che al casting stia partecipando un pubblico molto ampio, che va dai 5 agli 80 anni».

L’inizio delle riprese è previsto tra due settimane, mentre il film sarà presentato a settembre e trasmesso dalla Rai. Il progetto è nato da un’idea della stessa Maestri, fondatrice della casa di produzione cinematografica «Chichinscì» srl. Ed è lei a visionare personalmente i provini, dimostrazione della sua dedizione all’iniziativa.

Gli ostacoli principali che separano gli apiranti attori dalla possibilità di trasformare il loro sogno in realtà sono due: l’emozione, e la conoscenza del dialetto varesino, richiesta precisa della produzione, impresa non semplice nemmeno per gli abitanti del luogo. Il Pretore vuole essere anche un «prodotto» del territorio e della sua cultura. Alcuni dei ragazzi che affrontano la selezione sono laureati, altri hanno qualche esperienza teatrale, ma sembrano un po’ intimiditi dalla telecamera. «Per me è la prima volta - dice Sonia - l’idea mi è venuta durante un cortometraggio che alcuni miei amici avevano girato a casa mia. Spero di passare il provino, poi si vedrà». Come lei tante altre. E chissà che non nasca qualche nuova attrice varesina da prestare al grande schermo.

Condividi l'articolo
Offerte su volantino a varese
Trova aziende e professionisti
Powered by ProntoImprese
  • Notizie Locali
  • il Resto del Carlino:
  • La Nazione
  • Il Giorno
  • Blog
Copyright © 2013 MONRIF NET S.r.l. - Dati societari - P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP