HOMEPAGE > Varese > Finiscono all'asta gli oggetti smarriti dai passeggeri distratti

Finiscono all'asta
gli oggetti smarriti
dai passeggeri distratti

Al Terminal 2 di Malpensa, acquistabili a buon prezzo macchine fotografiche, pc, cellulari, orologi: per due giorni gli articoli saranno visionabili nel magazzino. Commenta

Stampa l'articolo Invia per e-mail Clicca due volte su qualsiasi
parola di questo articolo per
visualizzare una sua definizione
tratta dai dizionari Zanichelli
| | condividi
In aeroporto l'asta degli oggetti smarriti (Newpress)

Gallarate, 11 maggio 2011 - Una sorta di bazar, esposta la merce più varia, dal souvenir portato da un viaggio in terre esotiche all’orologio, dal pc alla macchina fotografica, dal cellulare, all’ipod, dalla giacca al violino, dall’apparecchio per misurare la pressione alla macchina da cucire.

Non è un punto vendita di nuova concezione, ma il magazzino al Terminal 2 di MAlpensa dove sono raccolti gli oggetti dimenticati in aeroporto e mai reclamati dai proprietari che venerdì 13 maggio a partire dalle 9,30 andranno all’asta. Occasione di fare affari per chi farà un salto a Malpensa al Terminal 2 alle partenze dell’ex area gruppi.
 

Intanto tra ieri e lunedì ben 300 persone hanno visionato la merce cominciando ad individuare ciò che può interessare. Persone arrivate anche da lontano, elenco dell’Istituto vendite giudiziarie con indicati gli oltre 100 lotti in mano, alcune affezionate frequentatrici dell’asta di Malpensa e pronte a presenziare pure venerdì.
Ci sono genitori “a caccia” del pc per i figli da portarsi a casa con poca spesa, ma anche collezionisti e rivenditori interessati ad oggetti che poi si rimettono sul mercato dell’usato.
 

A farla da padroni cellulari, orologi e macchine fotografiche. E poi lettori dvd, scarpe, borse, zaini, perfino una mountain bike e un motorino. Incredibile che cosa si può dimenticare in un aeroporto. Questa volta all’asta ci sarà anche un violino dimenticato da un musicista distratto e lo strumento ha già attirato l’attenzione di un papà pronto venerdì ad aggiudicarselo per avviare il figlio allo studio della musica.

“Chissà che non diventi un grande violinista grazie all’asta di Malpensa”, scherza il genitore. Ci cerca comunque l’affare, l’assicurarsi a poco prezzo pc, macchine fotografiche e cellulari. Per due giorni la merce è stata esposta nel “bazar degli oggetti smarriti”, venerdì troverà nuovi proprietari. Dopo il sonno di oltre un anno, tanto dura la permanenza in aeroporto, in attesa di essere reclamati da chi li ha persi, pc, cellulari, macchine fotografiche torneranno a funzionare.

E anche i souvenir, ricordi di vacanze e viaggi, troveranno spazio tra i soprammobili regalando un sogno a chi magari nelle terre esotiche non ci potrà mai andare. Basterà guardare quel souvenir, pagato a poco prezzo all’asta di Malpensa, per sognare un bel viaggio.

di Formenti Rosella

comments powered by Disqus
 Articoli correlati
Il Giorno su Facebook