San Giuliano (Milano), 28 novembre 2017 - Si cerca un nuovo gestore per Rocca Brivio, la villa del Seicento incastonata nel parco agricolo Sud Milano. È prossima l’emissione di un bando per tentare d’individuare un conduttore del complesso monumentale, di proprietà dei Comuni di San Donato, San Giuliano e Melegnano. Risolto il rapporto con l’ex gestore del maniero (la società Grandi Eventi, che per alcuni anni ha avuto in carico l’edificio), è arrivato il momento di voltare pagina e aprire un nuovo capitolo nella storia della villa.

La ricerca di un nuovo concessionario rappresenterà l’ultimo atto della Rocca Brivio Sforza Srl, società partecipata dai Comuni, che è liquidazione e con questo passaggio completerà la propria attività, arrivando allo scioglimento definitivo. Nelle intenzioni, al nuovo gestore verrà garantito un uso trentennale del bene. Si gioca su tempi lunghi per rendere la proposta più appetibile: una conduzione di ampia durata, infatti, renderebbe più facile il pareggio fra le entrate e le uscite da parte di un eventuale investitore. Nella ricerca del gestore si cercherà di contemperare due esigenze: da un lato la necessità di avere un ritorno economico da parte di chi prenderà in mano la Rocca, dall’altro la fruizione pubblica del bene, con eventi e iniziative che restino aperti alla popolazione.

Proprio l’utilizzo della struttura da parte della cittadinanza è uno degli aspetti che i Comuni considerano prioritari per mantenere e valorizzare la vocazione del monumento. "Siamo di fronte ad un’occasione importante per il territorio – commenta il sindaco di San Giuliano Marco Segala -. La Rocca potrebbe assumere anche una valenza sociale, ospitando attività che ad oggi sono mancate, come ad esempio una casa degli artisti e una scuola di agricoltura".