San Donato Milanese (Milano), 26 novembre 2017 – Nuovo rave party in via Buozzi, una notte di inferno tra musica a palla, fiumi di alcol e droga. Centinaia di ragazzi sono arrivati da tutto l’hinterland nella zona industriale di via Buozzi, dove hanno occupato un capannone dismesso. Una festa da sballo non stop, che è proseguita per tutta la mattina. Un’organizzazione clandestina ha lanciato un alert sui social e, in poche ore, i partecipanti hanno risposto in massa. Sono arrivati in auto dalle tangenziali e dall’autostrada, ingolfando la viabilità della zona. Una colonna di auto ha subito innescato i sospetti. I rave party sono sempre organizzati da pusher ben strutturati, sono l’occasione per fare cassa e smerciare sostanze stupefacenti in grossi quantitativi. A discapito della sicurezza e dell’incolumità dei ragazzi. L’ultimo rave party organizzato in zona è finito in tragedia. È successo qualche anno fa a Peschiera. Durante una festa abusiva nell’ex cartiera sulla Paullese, un ragazzo è salito sul tetto ormai mal dirotto, che ha ceduto. Sono in corso le indagini per risalire ai proprietari dell’area, accertare l’identità dei ragazzi e capire chi siano gli organizzatori del rave.