Milano, 20 marzo 2017 - Inciampa in giardino e il cane l’azzanna nel tentativo di trarla in salvo. Liberata dalla stretta del meticcio grazie all'intervento del figlio Gabriele, è ora ricoverata all’ospedale Humanitas. Le sue condizioni sono gravi ma non sarebbe in pericolo di vita. 

Tutto è successo nella tarda mattinata: la donna era nel giardino della sua abitazione, in via Cavour, nella frazione di Barate. Involontariamente è inciampata nella radice di una pianta di fico ed è caduta a terra malamente. Con il polso rotto, la 75enne ha iniziato ad urlare per chiedere aiuto. E’ a quel punto che il più grande dei due cani,  un incrocio tra un Dogo e un Labrador preso al canile quattro anni fa, ha iniziato ad affondare le sue zanne negli arti della donna: prima nella gamba, poi al braccio. Solo l’intervento del figlio 36enne, fortunatamente a casa in quel momento, ha messo fine all’agonia dell’anziana chiamando i soccorsi.

“Quando sono arrivato mi sono ovviamente spaventato, ma ho notato che il cane non era in posizione d’attacco – ha detto il figlio, ancora sotto choc – Da quanto mi hanno spiegato gli agenti intervenuti e i soccorritori, la sua intenzione non era quella di ferirla ma di aiutarla, probabilmente  di portarla in un luogo dove potesse essere vista e aiutata”.