Milano, 9 luglio 2017 - Caro Governatore sarebbe ora di sistemare tutte le strade della Lombardia. Ad esempio in provincia di Pavia la statale dei Giovi da Binasco a Casteggio per noi ciclisti è un pericolo costante. Aggiungo anche il ponte della Becca.
Italo Curtarelli

Gentile Italo, come lei sa il 10 marzo scorso abbiamo firmato con Anas e poi con tutte le province lombarde un protocollo per la gestione delle strade lombarde. È stata una novità importante, destinata a diventare un modello, come spesso accade nella nostra Regione. Regione, Province e Anas hanno collaborato molto intensamente per affrontare i problemi che riguardano la nostra rete viaria, arrivando a questo protocollo, che ha come fine quello di migliorarne la gestione per rendere più sicure le strade della Lombardia. L’attuale rete stradale provinciale lombarda conta oltre 10mila chilometri. Le Province però, nonostante l’impegno, non hanno le risorse necessarie per gestirle in maniera adeguata. Per questo motivo abbiamo definito questo modello, che riguarda una serie di strade che, attraverso il Protocollo, passeranno a essere gestite da un nuovo soggetto: si è così costituita la “nuova rete regionale”. Le arterie diventeranno cioè strade regionali. A queste si aggiungeranno altri 850 km della “nuova rete statale”, cioè di interesse nazionale, che saranno a carico di Anas. Con la società unica, vogliamo garantire la fruibilità della rete stradale, che costituisce elemento basilare dell’offerta infrastrutturale a servizio dei cittadini, delle imprese e, più in generale, del territorio lombardo, assicurando costanti interventi di manutenzione e coordinando gli investimenti statali e regionali sulla stessa. Vogliamo cioè, una società che non si limiti a fare l’asfaltatura, ma che si renda conto se sono necessari interventi extra per garantire la sicurezza delle strade. Anche a Pavia abbiamo firmato il verbale di accordo tra Regione Lombardia e Provincia di Pavia per la gestione unitaria della rete stradale prioritaria ricadente nel territorio della Regione Lombardia. Per quanto riguarda il Ponte della Becca, questa opera deve essere di competenza del governo e deve essere finanziata, anche in virtù di questo protocollo con Anas.
Inviate le vostre domande a: chiediloamaroni@ilgiorno.it