Milano, 5 ottobre 2017 - Bologna  distretto e fabbrica della musica. Leopoldo Cavalli rilancia la sfida da Fonoprint con la selezione di BMA riservata ad interpreti e gruppi che sono anche autori, ma non necessariamente cantautori. Sabato ci sarà, dopo la selezione di fine luglio, la finale al Teatro Il Celebrazioni (ore 21), patrocinio Siae, Luca Carboni e Gaetano Curreri sul palco, con Carlo Marrale e Fio Zanotti, coinvolti nel progetto e in giuria, Maurizio Solieri e Ricky Portera in un tributo a Guido Elmi, perché in Fonoprint è stata l’ultima volta che ho visto Guido prima della sua morte. La siciliana Carmen Alessandrello, prima produzione ambiziosa di Fonoprint con “Al centro di una nuvola”. Voce, tecnica, pancia e cuore. Presenta Red Ronnie, diretta streaming, ma soprattuto una selezione di normali e meritevoli talenti. Giuria competente con, fra gli altri Stefano Senardi, Claudio Ferrante, Roberto Razzini, Antonio Vandoni, Riccardo Vitanza. I

finalisti: Simone Fornasari, Andrea Bolognesi, Giulio Wilson, Irene Scarpato, Marco D’Anna, il trio sperimentale milanese VHSUPERNOVA, Matteo Venturelli, MUD, Freschi Lazzi & Spilli. Anche le istituzioni sono presenti in un progetto che vuole, parole di Leopoldo Cavalli, “rilanciare Bologna come distretto creativo e produttivo della musica d’autore”. Intorno allo storico studio di registrazione Fonoprint. Premi a testo e musica, contratto per Ep e videoclip con l’etichetta organizzatrice.