Sondrio, 9 gennaio 2018 - Dal 1° febbraio l’Unità organizzativa complessa di Pediatria e Neonatologia di Asst ValtLario avrà il suo nuovo direttore. E’ Lorella Rossi, 57 anni, sposata, due figli, nata a Varese, ma residente a Como, dove, dal marzo dello scorso anno lavora come medico di Pediatria, Patologia e Terapia intensiva neonatale all’ospedale Valduce.
Anche se buona parte della propria carriera professionale l’ha svolta all’ospedale Alessandro Manzoni di Lecco, dove ha prestato servizio per undici anni, in Patologia Neonatale e Terapia Intensiva Neonatale, anche con incarico di Alta Specializzazione in Neonatologia, e all’ospedale regionale Umberto Parini di Aosta, dove ha lavorato per quattordici anni, sempre presso la Pediatria e Patologia Neonatale.
A nominarla, a seguito di selezione pubblica svoltasi il 29 dicembre scorso, la Direzione Generale di Asst ValtLario, che ha individuato nella dottoressa Rossi, giunta al primo posto per punteggio acquisito fra i sette candidati presentatisi, la figura cui affidare la conduzione di una delle branche più delicate e complesse dal punto di vista sanitario della propria azienda.

"Esprimo soddisfazione per la particolare competenza espressa dalla dottoressa Rossi – dichiara Giusy Panizzoli, direttore generale di Asst ValtLario – che ben integra le valide professionalità già presenti in azienda. E, poi, finalmente, una donna, l’unica fra i primari nominati nel corso dell’anno. Grazie a Regione Lombardia che ci ha autorizzato ad espletare così tanti concorsi per coprire i posti apicali vacanti".

Particolarmente significativo il profilo formativo e professionale di Lorella Rossi che, laureatasi in Medicina e Chirurgia all’Università degli Studi di Milano, nel 1985, si è, poi, specializzata in Pediatria nel 1988 e in Neonatologia nel 1992, nella stessa Università, e sempre con lode.
Suo primo incarico all’ospedale regionale di Aosta, come medico di Pediatria e Patologia Neonatale, fra il 1988 e il 2002, dopodichè il percorso professionale della dottoressa Rossi si è snodato fra Como e Lecco, sempre in Patologia Neonatale e Terapia intensiva neonatale. Precisamente, al Sant’Anna di Como fra il 2003 e il 2004, poi al Manzoni di Lecco, fra il 2004 e il 2010, poi, ancora, al Sant’Anna fino al 2012 e, infine, a Lecco fino al febbraio 2017.
Vasta, quindi, l’esperienza acquisita, dal punto di vista tecnico, organizzativo e relazionale con un particolare “focus” sulla Neonatologia tenuto conto che, nel 2010, a Lecco, è stata titolare dell’incarico di Alta Specializzazione in questa branca .
Lorella Rossi è anche Consigliere della Società Italiana di Neonatologia, sezione Lombardia, e Consigliere del Gruppo di Studio di Qualità delle Cure della medesima società.