Villa di Chiavenna, 1 settembre 2017 - E' drammatica la situazione in Val Bregaglia, dove altre due colate dal Pizzo Cengalo sono scese tra giovedì sera e venerdì mattina, e ci sono altri due milioni di metri cubi di detriti, secondo gli esperti, pronti a franare a valle, mettendo in pericolo non solo i Comuni svizzeri ma anche Villa di Chiavenna, a pochi chilometri dal confine.

Le strade cantonali, sia quella nuova che quella vecchia, quest'ultima utilizzata in questi giorni di emergenza per il transito, sono chiuse al traffico e la Val Bregaglia ora rischia l'isolamento. In Valchiavenna invece si lavora per monitorare le condizioni del fiume Mera.