Morbegno, 17 novembre 2017 - Un mese dopo il successo riscosso dai “Green Events” nell’ambito della 110ª edizione della Mostra del Bitto e a poche settimane da Christmas Art, in programma l’8 dicembre, da oggi a domenica il Polo fieristico provinciale ospita la Fiera di Autunno, che aveva ben esordito giusto un anno fa. Organizzata da Start Lab, società svizzera con sede nel canton Ticino, l’evento ha avuto il merito di rilanciare la struttura di proprietà della Comunità Montana di Morbegno quale sede ideale per una fiera campionaria dai grandi numeri, sia per gli espositori, oltre 180, che per i visitatori, più di ventimila quelli registrati l’anno scorso. Per il presidente dell’ente comprensoriale Christian Borromini, che ha puntato sul rilancio del Polo fieristico, si tratta di una scommessa vinta.

«Il successo della Fiera di Autunno che, ne sono certo, verrà replicato con questa edizione, e i numerosi eventi, sia pubblici che privati, organizzati nel corso del 2017 - sottolinea - hanno confermato le potenzialità della struttura e la sua valenza strategica per l’economia della Bassa Valtellina e dell’intera provincia. Gli spazi, la logistica e il facile accesso da Milano e dal resto della Lombardia rendono il Polo fieristico la location ideale per eventi in grado di richiamare visitatori dalla nostra e dalle province confinanti».

Gli adeguamenti strutturali, gli ammodernamenti e le scelte in materia di energia sostenibile, finanziati grazie ai contributi su bandi specifici della Regione Lombardia e, da ultimo, la realizzazione del Polo delle Biodiversità, il museo naturalistico a cielo aperto, inaugurato giusto un mese fa, hanno migliorato le performance e l’attrattività del Polo fieristico provinciale. Una promozione a pieni voti con conseguenze positive per l’intero indotto alberghiero e commerciale del morbegnese.  La Fiera di Autunno, in programma da oggi a domenica, offre molti motivi di interesse: otto aree tematiche dedicate allo sport, al benessere, ai bambini, alle vacanze, alla casa, all’artigianato, al giardinaggio e all’enogastronomia tipica, alle quali si aggiungono iniziative e intrattenimento.