Cusano Milanino (Milano), 20 gennaio 2016 - Nel gruppo dei partecipanti al Giro d’Italia 2017, il centesimo della storia, mancheranno le bici De Rosa. La Rcs Sport ha infatti escluso la Nippo-Fantini-De Rosa di capitan Damiano Cunego dall’elenco dei partecipanti. Da notare che Cunego è vincitore del Giro 2004; il Piccolo Principe è uno dei 3 italiani in attività presenti nell’albo d’oro della gara rosa. La Nippo-Fantini-De Rosa è catalogata UciProfessional, pertanto può partecipare ai grandi Giri solo con Wild Card (la Rcs ne ha potute concedere 4). L’esclusione dal Giro ha scatenato l’ira di Cristiano De Rosa, amministratore dell’azienda creata da papà Ugo a Cusano Milanino: "Mi dispiace soprattutto per mio papà che al Giro debuttò come meccanico nel 1958. Da allora, o in qualità di meccanico o di fornitore di telai o bici complete, il nome di mio papà è sempre stato nel gruppo del Giro".

In effetti papà Ugo da sponsor o fornitore ha avuto in scuderia campioni dello spessore di Eddy Merckx, Gianni Motta, Francesco Moser, Moreno Argentin, Evgeni Berzin, Gibi Baronchelli, Rolf Sorensen. Cristiano e Francesco Pelosi, team manager, si sono rivolti a Renato Di Rocco, presidente della Federciclismo: "Chiediamo alla Federazionedi intervenire, a supporto di Rcs, per chiedere una deroga all’Unione ciclistica internazionale e allargare il numero delle wild card, come è stato fatto nel 2011 per il centocinquantesimo anniversario dell’Unità d’Italia». In ogni caso la Nippo–Fantini-De Rosa a fine 2017 non chiuderà i battenti. «Il nosdtro progetto - conclude Cristiano - è arrivare competitivi alle Olimpiadi di Tokio 2020".