Sesto San Giovanni (Milano), 23 gennaio 2017 -  "Stanziamo oltre 518.000 euro per sostenere un progetto di sviluppo che prevede un investimento da più di 1,8 milioni di euro e che permette di tutelare i posti di lavoro esistenti e incrementare l'occupazione nell'arco di cinque anni". Lo ha detto Mauro Parolini, assessore regionale allo Sviluppo economico, annunciando l'approvazione odierna da parte della Giunta, su sua proposta e con il concerto dell'assessore all'Universitù, Ricerca e Open Innovation Luca Del Gobbo, dello schema di accordo per la competitività che Regione Lombardia firmerà con Dia.Pro Diagnostic Bioporbes di Sesto San Giovanni .

"Attraverso questo accordo in particolare - ha spiegato l'assessore - ci impegniamo a cofinanziare un progetto innovativo in grado di generare importanti ricadute nel settore dell'industria della salute in termini di crescita e competitività, attivando nuove opportunità di sviluppo della qualità occupazionale per il territorio lombardo, produttività, sviluppo delle competenze tecniche, scientifiche e professionali, nonché di benessere".

"L'innovazione è nel Dna del nostro tessuto imprenditoriale - ha sottolineato l'assessore all'Universita', Ricerca e Open Innovation Luca Del Gobbo - e Regione Lombardia intende favorire e promuovere questa vocazione. Il documento varato oggi dalla Giunta pone l'accento sulla forza del capitale umano, che rappresenta il vero valore aggiunto per la crescita sostenibile della Lombardia e del Paese. La nostra azione si pone l'obiettivo di mettere a disposizione strumenti utili per superare le sfide che caratterizzano il contesto internazionale. Strumenti non solo finanziari: semplificazione, burocrazia zero e certezza della tempistica sono i pilastri fondamentali delle nostre politiche di sostegno all'innovazione". Il progetto di ricerca denominato "Sviluppo di pannelli di reagenti a tecnologia CLIA per sistemi diagnostici chiusi" è finalizzato alla realizzazione dei pannelli di reagenti adeguati a una diagnosi precoce, specifico su malattie infettive e sierologia, che meglio corrispondono alle necessità di mercati target come Sud America e Medio Oriente. Il valore complessivo del progetto è pari a 1.826.514 euro. Il contributo regionale concesso pari a 518.245 euro.