Cologno Monzese (Milano), 10 settembre 2017 - Sabato pomeriggio. Il centro cittadino è affollato di persone che passeggiano tranquillamente. E' in questo scenario che i carabinieri della Tenenza di Cologno hanno portato a termine il fermo di un cittadino albanese di 33 anni, accusato di ricettazione e sospettato di essere il componente di una delle bande specializzate in furti di appartamento. L'uomo si trovava a bordo di una Kia “Sportage” e procedeva ad andatura ridotta lungo le vie del centro città. Quando i militari della Tenenza gli hanno fatto segno di fermarsi per un controllo, l'uomo ha schiacciato il piede sull'acceleratore e  ha tentato una fuga. Ha cercato di farsi strada, mettendo a rischio l'incolumità dei pedoni, ma alla fine ha dovuto abbandonare l'auto dopo una rovinosa uscita di strada, nella zona di via Piave. Da lì ha proseguito la fuga a piedi con i militari che lo hanno raggiunto e catturato lungo il vicolo d'Adda.

Per capire i motivi della sua fuga è stato sufficiente aprire il cofano dell'auto. All'interno sono stati trovati alcuni portafogli e borsoni carichi di oggetti rubati in appartamenti di diverse province lombarde. La stessa auto era stata rubata due giorni prima a Como ed era stata ritargata con le insegne svizzere nel tentativo di celarne la provenienza. Parte della refurtiva è stata già restituita ai proprietari. Dovrà rispondere della ricettazione della refurtiva e dell'auto. L'uomo è stato condotto al carcere di Monza in attesa di essere processato.