Cinisello Balsamo (Milano), 8 ottobre 2017 – Una settimana da ricostruire. I carabinieri stanno cercando di rimettere ogni pezzo in fila, dopo il ritrovamento della 60enne che si era allontanata da casa il 30 settembre e che è stata ritrovata in tarda serata al Parco Nord. La donna era scomparsa una mattina della scorsa settimana. Aveva detto che sarebbe andata dal parrucchiere, ma poi non è mai arrivata al negozio. La famiglia non poteva nemmeno mettersi in contatto con lei: la 60enne era infatti uscita di casa, senza portare dietro il cellulare.

A quel punto è scattata la denuncia alla stazione dei carabinieri e sono partite le ricerche. Lo stesso giorno della denuncia, i militari si sono messi sulle sue tracce anche grazie all'aiuto dei cani molecolari. Attraverso il loro impiego è stato infatti possibile ricostruire parte del percorso, effettuato dalla donna: prima i cani hanno fiutato un suo passaggio in piazza Gramsci e poi in alcune fermate dell'autobus. Nulla in direzione Milano, il tragitto è invece continuato verso Sant'Eusebio. Il fiuto dei cani molecolari ha poi portato alla panchina di una vecchia fermata dismessa dell'autobus e, infine, al cimitero, dove riposa la madre della 60enne.

A quel punto è stata fondamentale la segnalazione arrivata in caserma dal Parco Nord: una donna, infreddolita e in stato di confusione, era stata ritrovata tra i sentieri. Quando i militari sono arrivati, hanno potuto constatare che si trattava della scomparsa, che ora si sta riprendendo all'ospedale Bassini di Cinisello. Ora il compito è quello di ricostruire i passaggi della donna e capire dove ha sostato in questa settimana.