Cinisello Balsamo (Milano), 4 febbraio 2018 - E' una donna di 40 anni che a quell’ora del mattino si stava recando al lavoro, la vittima del drammatico incidente stradale avvenuto all’alba di ieri in piazza Italia. La donna, di origine ucraina, stava pedalando in sella alla sua bicicletta quando si è scontrata frontalmente con una Renault “Clio”, guidata da un uomo di 48 anni. L’urto è stato frontale e violentissimo. A quell’ora le strade di Cinisello erano ancora buie e l’automobilista si è accorto della donna in bici quando ormai era troppo tardi per frenare o evitarla.

È stata sbalzata sul parabrezza anteriore dell’auto e ha sbattuto la testa tra il vetro e il tettuccio dell’auto. Il trauma riportato è risultato subito gravissimo, anche perché la donna non indossava un casco. È stato l’automobilista a prestare i primi soccorsi, poi assistito dai lettighieri del 118 e dagli agenti della polizia locale. Le condizioni della vittima si sono rivelate subito gravi. Il trauma cranico è stato giudicato serissimo dai sanitari di Niguarda che hanno stabilizzato la donna prima di trasportarla in urgenza all’ospedale milanese. Ora si trova nel reparto di terapia intensiva in stato di incoscienza. La situazione è delicatissima.

Ancora non si conosce la dinamica esatta dello scontro. È certo che la donna venisse da via San Saturnino e si apprestasse a svoltare verso via Sant’Antonio. Gli agenti della polizia locale stanno attendendo le immagini di alcune telecamere di sorveglianza per confrontare il racconto dell’automobilista e le prime testimonianze raccolte.

Ieri mattina intorno alle 11 un altro incidente ha interessato le strade di Cinisello. Un giovane di 15 anni è caduto lungo il rettilineo di via Alessandrina mentre viaggiava in sella ad una moto 125 di cilindrata. A quanto pare sarebbe caduto dopo aver perso il controllo della moto, senza alcun intervento esterno. È stato soccorso dai lettighieri del 118 e dai sanitari dell’auto medica di Niguarda che ne hanno disposto il ricovero in ospedale. Le sue condizioni non sono gravi. Tuttavia, gli agenti della polizia locale che hanno rilevato l’incidente hanno scoperto che il ragazzo era sprovvisto di patente e non aveva l’età per guidare un mezzo di quella cilindrata. Rischia una sanzione amministrativa di diverse migliaia di euro.