Rho (Milano), 27 maggio 2016 - A nove giorni dall’appuntamento con le urne per le elezioni amministrative, abbiamo messo a confronto i sei candidati sindaci su un tema che sta a cuore ai rhodensi: il rilancio del centro storico tra parcheggi carenti, zona a traffico limitato e valorizzazione del commercio locale. «Il centro deve tornare a essere il cuore pulsante della nostra città – risponde Marco Tizzoni, candidato sindaco del centrodestra – Il nostro progetto punta a riqualificare il Pomè, piazza Visconti e piazza San Vittore. Proponiamo la realizzazione di un nuovo parcheggio. Per il commercio locale vorremmo realizzare un piano di restyling e marketing, proponiamo l’eliminazione della Tosap per gli esercizi commerciali per le serate estive».

Il sindaco uscente e candidato del centrosinistra Pietro Romano ammette: «Uno dei problemi è la carenza di parcheggi, abbiamo già previsto nella riqualificazione dell’area Meda-Garibaldi due piani di parcheggi pubblici interrati. La Ztl verrà mantenuta – spiega Romano – Sono previsti interventi per migliorare il decoro urbano e progetti di marketing territoriale per contrastare gli impatti che deriveranno dal centro commerciale di Arese».

Abbattimento delle barriere architettoniche, rispristino dei dissuasori, rastrelliere per le bici e nuove fontanelle sono alcune delle idee di Mirko Venchiarutti, candidato del M5S: «Crediamo sia necessario l’ampliamento del parcheggio di via Meda con la creazione di un multipiano. Per il rilancio dell’economia locale diciamo basta alle autorizzazioni per i centri commerciali». Per Simone Bettinelli, candidato sindaco delle liste «Rho nel cuore» e «Forza Rho», il rilancio del centro «deve passare attraverso forme di partenariato pubblico-privato. Si possano realizzare interventi non speculativi di riqualificazione sociale oltre che urbana. Come prima cosa cambieremo la scadente e degradata fontana del Pasquè».

Ha le idee chiare anche Giuseppe Salerno della lista «Rho per la famiglia» che punta sulla realizzazione di nuovi parcheggi, mentre «per il commercio locale è necessario ridurre in modo significativo il carico fiscale e affrontare i problemi con la consultazione delle organizzazioni dei commercianti, ascoltando le loro indicazioni». Infine Mauro Rossetti, candidato di Rifondazione Comunista, punta sul rilancio del mercatino comunale di via Garibaldi: «Per quanto riguarda il patrimonio immobiliare del centro, è inaccettabile che vi siano situazioni di degrado come quelle all’imbocco di via Matteotti: è necessaria un’azione positiva dell’amministrazione che affronti il problema con proposte concrete».