Rho (Milano), 3 gennaio 2018 – Aveva fatto perdere le sue tracce dal centro espulsione di Bari. Giunto nel Milanese, davanti ai controlli dei poliziotti la scorsa sera ha reagito e per lui sono scattate le manette. Si tratta di un cittadino serbo di 48 anni, arrestato ieri,che  sarà ora accompagnamento alla frontiera.

L'uomo è stato fermato senza alcun documento fra via De Gasperi e via Grandi a Rho, a ridosso della grande area di Expo, nell’ambito dei controlli che la pattuglia del Commissariato di Rho Pero stava svolgendo nella zona industriale per prevenire e reprimere i furti. Alla vista dei poliziotti ha tentato di darsi alla fuga. Bloccato, è stato accompagnato al Comando per i rilievi foto dattiloscopici dove è stato sottoposto anche al riscontro delle impronte papillari che lo hanno incastrato. Il 48enne risultava essere già stato fermato numerose volte e arrestato sempre con identità diverse e sempre in relazione a reati contro il patrimonio, furti e rapine. A suo carico da 4 mesi anche un decreto di espulsione dal territorio nazionale per ragioni di sicurezza pubblica.

Fuggito dal centro espulsioni di Bari, dal quale avrebbe dovuto essere accompagnato in Serbia, da giorni aveva fatto perdere le sue tracce, fino a ieri sera quando la pattuglia   lo ha fermato nella zona industriale. Il fuggitivo dopo una notte in Commissariato è stato accompagnato all'Ufficio Immigrazione dove al termine delle procedure è stato allontanato definitivamente dall'Italia e imbarcato su un volo diretto in Serbia.