Pavia, 1 marzo 2017 - Da Pavia all'Europa. FacilityLive apre una rappresentanza ufficiale a Bruxelles. Dopo essere diventata la prima azienda non britannica ad essere ammessa al programma Elite della Borsa di Londra, e aver fondato, unica italiana, insieme a giganti come Rovio e Spotify la European Tech Alliance, la startup trova ufficialmente casa nella capitale belga in una sede condivisa con la delegazione europea di Confindustria.  "I risultati raggiunti in questi anni ci hanno portato all'apertura di questa sede, che per noi rappresenta un ulteriore passo in avanti in Europa" dice Gianpiero Lotito, co-fondatore della startup di Pavia insieme a Mariuccia Teroni.

Creata nel 2010, l'azienda ha brevettato il suo motore di ricerca semantico in 44 Paesi del mondo e ha già tagliato il traguardo dei 30 milioni di euro di capitale raccolti in Italia da investitori privati. "La scelta mia e di Mariuccia nel 2013 di non portare la nostra avventura in Silicon Valley era legata strettamente all’idea che l’Europa potesse diventare un terreno di grandi opportunità per aziende come la nostra - aggiunge Lotito -. Così, dopo aver scelto anche di mantenere in Italia FacilityLive per un senso di grande riconoscenza verso la nostra città di adozione e verso il nostro Paese, il passo successivo non poteva che essere l’avvicinamento ai grandi centri della politica, della cultura e della finanza europei. In questo senso il nostro ufficio a Bruxelles (come le nostre presenze a Londra e Parigi) rappresenta simbolicamente, se ancora ce ne fosse bisogno, la nostra ferma convinzione che rimanere a Pavia, in Italia e in Europa sia stata la scelta giusta e speriamo che possa dare coraggio a tanti ragazzi più giovani di noi per fare la stessa cosa”.