Vigevano (Pavia), 6 ottobre 2017 - Quando si è trovato davanti gli agenti della polizia locale che gli hanno notificato un provvedimento di aggravamento della misura cautelare degli arresti domiciliari, in altre parole il ritorno in carcere, ha perso il controllo e li aggrediti con calci e spintoni tanto che due di loro sono finiti al Pronto soccorso con prognosi di 10 giorni.

Per questo M.B., 26 anni, vigevanese, è stato denunciato anche per resistenza a pubblico ufficiale prima di essere condotto in carcere a Pavia. L'aggravamento della misura cautelare, che aveva ottenuto dopo il periodo di custodia cautelare con anche il permesso di andare al lavoro, è stato richiesto dagli agenti del commissariato cittadino che, durante un normale controllo avvenuto a metà settembre, non lo hanno trovato a casa. M.B. era finito in manette ad aprile a Zelo Surrigone (Milano) con altre te persone. Gli agenti del comandante Pietro Di Troia aveva anche recuperato due chili di marijuana.