Vigevano, 16 giugno 2017 - Ritardi per 56 ore e 52 minuti. E’ quello che emerge dal periodo report sulle condizioni delle linea ferroviaria Milano-Mortara ridotto dal Coordinamento provinciale del pendolari relativo al mese di maggio. Tra le criticità che sono emerse ci sono quelle legate al sovraffollamento delle carrozze; in un caso, a fine mese, a causa del condizionamento guasto e dell’impossibilità di aprire i finestrini sono sono registrati malori tra i viaggiatori.

Non sono mancati anche problemi legati alle infrastrutture, in particolare al cattivo funzionamento dei passaggi a livelli posizionati lungo la tratta.