Pavia, 10 gennaio 2018 - Si è allontanato dal luogo di soggiorno obbligato, ha rubato un'auto e ne ha vandalizzate altre sette per rubare merce varie. Ora ha scelto di patteggiare ed è stato condannato dal tribunale di Pavia a un anno e dieci mesi di reclusione.

Nei guai M.C., quarantasei anni, di Limbiate. A ottobre dell'anno scorso, l'uomo ha violato gli obblighi inerenti la sorveglianza speciale, lasciando il luogo di soggiorno obbligato a Finale Emilia senza autorizzazione e non presentandosi alle forze dell'ordine per il controllo quotidiano. Ha raggiunto Montescano, dove ha rubato una vettura. Poi, ha iniziato una serie di razzie in tutta la provincia di Pavia e nel Milanese, rompendo i vetri o forzando le serrature di sette auto: ha rubato giubbotti, zaini, occhiali, cacciaviti, forbici, pantaloni. Scoperto, è stato portato a processo. Ora la condanna.