Pavia, 19 giugno 2017 - Tre arresti per tentato furto, grazie all’allarme lanciato alla Polizia da un residente in un palazzo vicino. Erano circa le 21.30 di sabato quando, guardando dalla finestra, l’uomo ha notato 2 ladri che erano saliti su un balcone, al secondo piano, e stavano forzando la tapparella, mentre un terzo complice faceva da “palo” in strada. Dalla Questura sono state inviate sul posto, nel centro cittadino, due pattuglie, arrivate senza sirena per cogliere sul fatto i malviventi.

Il "palo" è stato subito immobilizzato e, mentre un agente saliva nell’appartamento dalle scale, gli altri poliziotti tenevano sotto controllo il balcone, dal quale infatti, vistisi ormai scoperti, i ladri hanno tentato di fuggire. Neppure scappando in 2 opposte direzioni, uno verso il Castello e l’altro verso l’Università, sono riusciti a far perdere le proprie tracce e sono invece stati raggiunti e, dopo aver opposto non poca resistenza, ferendo anche 3 poliziotti, arrestati.

I proprietari di casa, assenti in quel momento, hanno poi constatato che nulla era stato portato via: i ladri avevano già raccolto in una federa i gioielli d’oro trovati nei cassetti, ma hanno abbandonato il bottino sul balcone. I tre giovani, di 25, 26 e 27 anni, tutti di nazionalità albanese e senza fissa dimora, sono stati trattenuti nelle camere di sicurezza e questa mattina in Tribunale si terrà l’udienza di convalida degli arresti. Dalla Questura sottolineano la «preziosa collaborazione» fornita dal cittadino che ha chiamato il numero di emergenza e ha descritto dettagliatamente sia il “palo“ che i 2 ladri visti sul balcone.