Gambolò, 29 dicembre 2017 - Gli agenti del commissariato di Vigevano lo stavano tenendo d'occhio da alcuni giorni nell'ambito dell'attività volta a contrastare e reprimere gli illeciti in materia di produzione, commercio e detenzione di artifici pirotecnici. E ieri mattina hanno deciso di effettuare una perquisizione nella sua abitazione. E' stato così che un trentaseienne di Gambolò è stato denunciato: nelle pertinenze della sua casa deteneva, senza alcuna licenza, 70 chili di artifici pirotecnici. I "botti" illegali, sospettano gli agenti del vice-questore aggiunto Anna Leuci, erano destinati al mercato della Lomellina. Gli accertamenti in questo senso sono ancora in corso con particolare riferimento ai destinatari finali. Nel corso della perquisizione i poliziotti hanno ritrovato anche alcune "bombe-carta" di fabbricazione artigianale.