Pavia, 20 aprile 2017 - Un'altra truffa ai danni di un'anziana, residente a Pavia nel quartiere di Città Giardino. I due truffatori sono entrati in azione ieri mattina, verso le 10. Il primo l'ha avvicinata mentre stava rientrando in casa, presentandosi come un addetto al controllo dei termosifoni. La donna, di 68 anni, lo ha fatto entrare in casa. Poco dopo si è presentato alla porta il complice, che si è qualificato come un agente della polizia locale, tenendo in mano due cornici con fotografie del defunto marito della donna e mostrandogliele ha detto che erano state trovate al piano inferiore dello stabile. Le ha fatto così credere che in sua assenza fosse stato commesso un furto nella sua abitazione. In realtà le due cornici le aveva appena prese lo stesso finto vigile, approfittando della padrona di casa tenuta impegnata dal finto tecnico dei termosifoni. Un copione ben collaudato dai truffatori, per farsi mostrare dalla loro vittima il posto dove tiene nascosti in casa gioielli, oro e denaro. Infatti la donna ha ingenuamente controllato dove teneva i suoi preziosi e i soldi in contanti, che in quel momento c'erano ancora, ma le sono stati poi portati via dai due malviventi. Purtroppo se n'è accorta quando i due truffatori si erano già dileguati con il bottino e ha potuto solo chiamare la polizia per denunciare l'accaduto, fornendo una sommaria descrizione dei due giovani, sui 25-30 anni, alti circa un metro e ottanta, con capelli corti castani e con una parlata senza particolari inflessioni dialettali.