Pavia, 10 maggio 2017 - Pulizia della parte interna, una migliore illuminazione all’esterno e una sistemazione di piazza Leonardo da Vinci per rendere la cripta visitabile. Entro la fine del mese la cripta di Sant’Eusebio, una delle testimonianze longobarde, sarà accessibile. Accadrà nell’ultimo fine settimana del mese, quando alle 11 del 27 avverrà l’inaugurazione alla quale seguiranno visite guidate fino alle 18 e una visita teatralizzata (alle 16 e alle 17) dal titolo Ermengarda racconta-preview (prenotazione al 0382995461; 3311905700, mail@vieniapavia.it per massimo 25 persone).

L’evento è inserito nella rassegna “Passatofuturo”, quattro giorni ricchi di appuntamenti culturali per raccontare il rapporto tra la città del Sapere e le suggestioni che provengono dalle vicende della civiltà longobarda. Nella cripta di Sant’Eusebio i fioristi di Pavia realizzeranno un allestimento e insegneranno a 20 bambini a realizzare una composizione floreale. Fuori, in piazza Leonardo da Vinci, quattro grandi nomi della cultura affronteranno quattro temi legati solo indirettamente ai Longobardi.

Si parlerà dell’idea di giustizia, del duello, delle contaminazioni, del rapporto fra leggi e società. Si tratta di un modo originale per ripensare all’eredità spesso intangibile che i popoli lasciano alle generazioni future. Il filosofo Salvatore Veca inaugurerà la rassegna con una lectio su “L’idea di giustizia globale” (il 26 alle 18.30), lo scrittore (e schermitore) Andrea Bocconi affronterà il tema: “Sul Duello. Ordalie, tenzoni e talk show” (il 27 alle 21), il biologo Carlo Alberto Redi si confronterà con l’Umanità geneticamente modificata. Da Neanderthal a sapiens passando per Liutprando (il 28 alle 21), mentre l’ex pm Gherardo Colombo si soffermerà sull’Editto di Rotari: può la legge cambiare la cultura o è la cultura a scrivere la legge? (il 29 alle 21).

Sono sette invece gli appuntamenti dedicati alla musica, che coinvolgeranno diversi luoghi del centro storico cittadino, a cominciare dal Politeama, che ospiterà (il 26 alle 21), il concerto dei Fio’ dla nebia (con intermezzi di Mino Milani, Paolo Mazzarello, Susanna Zatti). "Venerdì 26 - ha sottolineato l’assessore alla Cultura Giacomo Galazzo - con l’audio-installazione in piazza della Vittoria rivivrà L’Adelchi di Alessandro Manzoni, recitato da Carmelo Bene a Milano nel 1984".

"In contemporanea, e per tutta la durata della rassegna - ha aggiunto il vice sindaco e assessore al Commercio Angela Gregorini -, mentre i commercianti diventeranno guide turistiche, per le vie del centro sarà protagonista L’aperitivo con Alboino, durante il quale i bar del centro storico proporranno a 5 euro l’aperitivo con Alboino, collegato a un concorso social. E per le vie della città si aggireranno figuranti che racconteranno momenti di vita longobarda". A chiudere a rassegna, martedì 30, sarà La notte speciale - Cult City Open Night, che coinvolgerà la città dal tardo pomeriggio fino a notte fonda. "La cultura genera posti di lavoro - ha concluso il presidente della commissione Cultura Sergio Maggi - stiamo lavorando per questo".