Pavia, 17 aprile 2017 - E' stato anticipato a mercoledì 19 aprile (inizialmente in calendario per giovedì 20) il concerto "Violino e liuto al tempo di Claudio Monteverdi", alle 21 nel Ridotto del teatro Fraschini (entrata libera). L'appuntamento è inserito nella XI edizione de "I Tesori di Orfeo", stagione di musica antica dell'Istituto superiore di studi musicali Franco Vittadini di Pavia. Rita Mascagna al violino e Massimo Lonardi all'arciliuto eseguiranno musiche di Marini, Falconieri, Galilei, Vecchi, Negri, Anonimo mantovano, Gianoncelli, Fontana, Uccellini, Caroso e Frascobaldi.

"Il violino, nato nel tardo Rinascimento - si spiega nella presentazione del concerto - ebbe la prima importante affermazione tra la fine del Cinquecento e il primo Seicento e fu uno dei 'nuovi' strumenti dell'età barocca. Alla sua diffusione e alla formazione del suo repertorio diedero un importante contributo sia compositori-violinisti, come Biagio Marini, Giovanni Battista Fonana, Dario Castello e, successivamente, Marco Uccellini, che grandi autori come Claudio Monteverdi, del quale ricorre quest'anno il 450esimo anno dalla nascita, che inserirono il violino nelle loro composizioni". "Fra gli strumenti - prosegue la presentazione del concerto di mercoledì sera - ideali per l'esecuzione dell'accompagnamento parzialmente improvvisato detto 'Basso continuo', nel primo Seicento l'arciliuto ha un ruolo fondamentale. Derivato dal liuto rinascimentale con l'ampliamento del registro grave, lo strumento, con il suo timbro morbido e delicato, si sposa perfettamente con il suono del violino".