Milano / Bergamo / Brescia / Como / Cremona / Lecco / Legnano / Lodi / Monza Brianza / Mantova / Pavia / Martesana / Rho / Sesto / Sud-Milano / Sondrio / Varese

La provocazione di Monti: "Chiudiamo il calcio"

Zamparini: "Dice solo stupidaggini" Rivera: "Parole che fanno male"

Calcioscommesse, il premier: “Fa rabbrividire quando un mondo che dovrebbe essere l’espressione dei valori più alti: lo sport, i giovani, la lealtà, la competizione si dimostra un concentrato di aspetti tra i più riprovevoli della vita umana"

Monti: "Chiudiamo il calcio"
Monti: "Chiudiamo il calcio"

Roma, 29 maggio 2012 - Premette che “non è una proposta mia, nè tantomeno del governo”, ma Mario Monti rispondendo ad una domanda sullo scandalo del calcioscomesse dà voce ad un suo “desiderio”, ovvero “se per due-tre anni non gioverebbe alla maturazione di questo Paese una totale sospensione del calcio”.

Nella conferenza stampa al termine del vertice con il primo ministro polacco Tusk, Monti osserva che “fa rabbrividire quando un mondo che dovrebbe essere l’espressione dei valori più alti: lo sport, i giovani, la lealtà, la competizione, si dimostra un concentrato di aspetti tra i più riprovevoli della vita umana: la slealtà, l’illegalità, il falso, la ricerca demagogica di popolarità”.

Il premier ricorda che nel corso degli anni “abbiamo visto fenomeni indegni, dalle lotte tra chiamiamole tifoserie al fenomeno incredibile di poche settimane fa, nello stadio di una grande città, di un invisibile ricatto con l’omertà, con giocatori inginocchiati e che si sono tolti la maglia di fronte a chissà quali minacce da parte di un centinaio di sfegatati”. Il riferimento è alla partita Genoa-Siena, con gli ultrà rossoblù che hanno fatto sospendere la partita, finchè i giocatori genoani non si sono tolti la maglia.

“Credo che bisognerà approfondire ancora questo episodio”. Infine, “trovo inammissibile, e in Italia è successo molte volte e una volta me ne sono occupato da commissario Europeo, che si usino soldi dei contribuenti per ripianare i debiti delle società”.

Da qui il “desiderio” che il premier ha spiegato di provare a volte, anche se “anche io sono stato un grande appassionato di questo sport, quando il calcio era il calcio”, e cioè “se per due-tre anni non gioverebbe alla maturazione di questo Paese una totale sospensione di questo gioco”.

LA REAZIONE DI ZAMPARINI - Il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, non ha preso motlo bene le parole di Monti. Lo si intuisce dalla reazione: "Monti dice solo delle stupidaggini. Dovrebbe pensare prima di parlare. Prima di dire che bisogna 'chiudere' il gioco del calcio, dovrebbe pensare ai suoi problemi e a tutto quello che sta distruggendo e facendo chiudere lui con i suoi provvedimenti".

LA DELUSIONE DI RIVERA - "Provo dispiacere per le parole del presidente del Consiglio. Di lui avevo fiducia, ma in questo caso ha detto frasi fuori luogo e fuori tempo''. Gianni Rivera ha commentato così all'Ansa le dichiarazioni del premier sul tema del calcio. ''Non sono un difensore di questo calcio, ma non bisogna esagerare e queste uscite non le capisco. Visto che sono state dette da Monti c'è da preoccuparsi per il futuro del Paese''.

Condividi l'articolo
comments powered by Disqus
Trova aziende e professionisti
Powered by ProntoImprese

  • Notizie Locali
  • il Resto del Carlino:
  • La Nazione
  • Il Giorno
  • Blog
Copyright © 2013 MONRIF NET S.r.l. - Dati societari - P.Iva 12741650159, a company of MONRIF GROUP