Monza, 2 febbraio 2017 - Ci sono anche due imprese brianzole fra le aziende del settore ossigenoterapia multate dall’Antitrust. Sono la Sapio Life (Gruppo Sapio) e la Vivisol (Gruppo Sol). Sanzioni che ammontano a 9,6 milioni di euro per la Sapio Life e a 10,1 milioni di euro per la Vivisol a cui vanno aggiunti 1,2 milioni del distaccamento campano della Vivisol Napoli sempre facente capo al gruppo Sol.

Sapio e Sol sono due multinazionali made in Brianza del settore dei gas tecnici e multimedicali con sede a Monza. Ma non sono le uniche ad essere state multate per un ammontare complessivo di 47 milioni di euro. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 21 dicembre 2016, ha concluso l’istruttoria «avviata nei confronti dei principali operatori attivi nella fornitura dei servizi di ossigenoterapia domiciliare (Otd) e ventiloterapia domiciliare (Vtd), accertando l’attuazione di tre distinte intese poste in essere in occasione delle gare bandite da Asl Milano 1, Asur Marche e Soresa, relative, rispettivamente, alla fornitura del servizio di Vtd in parte della provincia di Milano, del servizio di Vtd e Otd nella Regione Marche e del servizio di Otd nella Regione Campania». In sostanza le società si accordavano per tenere alti i prezzi delle forniture e per "non pestarsi i piedi" negli appalti.

L’Autorità ha accertato che le società Linde Medicale Srl, Medicair Italia Srl, Medigas Italia Srl, Sapio Life Srl, Vitalaire Italia Spa e Vivisol Srl «hanno posto in essere – si legge in una nota dell’Antitrust – un’intesa restrittiva della concorrenza in occasione delle quattro gare bandite tra il 2012 e il 2014 da o per conto di Asl Milano 1 per la fornitura del servizio di Vtd a favore dei pazienti residenti nel territorio di competenza di tale Asl, in violazione del diritto antitrust, volta a mantenere artificiosamente alto il prezzo della fornitura dei servizi di Vtd nonché a cristallizzare il mercato, garantendo un equilibrio nel posizionamento delle imprese ed evitando l’ingresso di nuovi operatori».

L’autorità ha, anche accertato che «le società Linde Medicale Srl, Medicair Centro Srl, Sapio Life Srl, Vitalaire Italia Spa e Vivisol Srl hanno coordinato le proprie strategie commerciali in occasione della gara bandita nel 2010 da Asur Marche per la fornitura dei servizi di Vtd e Otd a favore dei pazienti residenti nel territorio regionale, ostacolando un effettivo confronto concorrenziale tra le stesse fino a luglio 2014, in violazione della normativa antitrust». L’Antitrust ha, infine, accertato che le società «Linde Medicale Srl, Medicair Sud Srl, Eubios Srl, Oxy Live Srl, Ossigas Srl, Magaldi Life Srl, Ter.gas. Srl, Vitalaire Italia Spa, Vivisol Napoli Srl hanno posto in essere una strategia di coordinamento tesa a mantenere artificiosamente alto il prezzo del servizio di Otd in Campania, a ostacolare l’indizione di una gara ad evidenza pubblica per l’affidamento del servizio di Otd in Campania, nonché a impedire lo svolgimento di un effettivo confronto concorrenziale in occasione della gara indetta da Soresa nel 2014. Tali comportamenti sono stati ritenuti lesivi della normativa a tutela della concorrenza».

Ma le aziende brianzole si difendono. «Vivisol Srl e Vivisol Napoli Srl – spiegano dalla Sol – hanno contestato e contestano le conclusioni del procedimento, e dichiarano sin d’ora che impugneranno il provvedimento della Agcm nelle sedi competenti, ritenendo di poter dimostrare la propria completa estraneità».

Sulla stessa linea la Sapio: «Prendiamo atto della sanzione ma confermiamo la nostra estraneità ai fatti. Attendiamo con fiducia la conclusione dei vari livelli di giudizio sempre pronti a collaborare con le autorità affinché si faccia chiarezza».