Vimercate (Monza Brianza), 13 settembre 2107 - Voleva dei soldi che, a suo dire, il gestore dell'area di servizio di via Trento, a pochi passi dalla Tangenziale est, doveva al figlio. Per questo un pensionato di 69 anni, incensurato, ieri sera si è presentato al bar accanto alle pompe di benzina, minacciando il presunto debitore con una pistola a tamburo carica. Un’arma detenuta legalmente e ora sequestrata dai carabinieri.

Sperava così, revolver in pugno, di convincerlo a consegnare i 3.000 euro, che l'altro nega di dover dare, oggetto di una lite che va avanti da qualche tempo. e che l'altro nega di dovere dare. Il pensionato non ha dato seguito alla minaccia di sparare.  Ma quando è uscito il barista ha chiamato i carabinieri. Una pattuglia del radiomobile di Vimercate si trovava nei pressi e lo ha bloccato mentre era ancora in macchina nell’area di servizio. Ora il pensionato, che risiede a Usmate Velate, è detenuto nel carcere di Monza con l'accusa di tentata estorsione. Attende di essere sentito dal magistrato che dovrà decidere se convalidare l’arresto.