Nova Milanese (Monza Brianza), 1 dicembre 2017 - Il caso tallio continua a far parlare di sé. Enrico Ronchi, ricoverato dallo scorso 3 ottobre nel reparto di Medicina dell’ospedale di Desio, è stato dimesso questa mattina. Il paziente, vedovo di Patrizia Del Zotto, morta per avvelenamento con il padre e la madre, dovrà mettersi in contatto con il Cav per un nuovo controllo del tallio su plasma e urine tra circa 7 giorni.

Alessio Palma è in condizioni stabili anche da un punto di vista neurologico. Prosegue le cure e lunedì ripeterà esami di routine oltre a quelli relativi al tallio. Viste le condizioni cliniche in miglioramento, a breve verrà spostato presso l’Unità di cure subacute sempre nel presidio di Desio. Infine anche Maria Lina Pedon lo scorso sabato  è stata trasferita al San Gerardo di Monza in cardiochirurgia per mixoma atriale, scoperto accidentalmente e che non ha nessuna relazione con il tallio. La signora è stata sottoposta ad intervento chirurgico lunedì. Le condizioni sono stabili. I valori del tallio sono in riduzione, ma ancora fuori range. I due ultimi ricoveri hanno dato una mano agli inquirenti. Che a questo punto potrebbero mettere definitivamente in un angolo la pista friulana, visto che i due anziani coniugi non hanno trascorso la villeggiatura a Varmo, nella casa della famiglia Del Zotto in provincia di Udine.