Monza, 13 settembre 2017 - Rastrellamento anti-degrado ieri mattina sotto i portici della Camera di Commercio in piazza Cambiaghi, in centro. E nel pomeriggio si è proseguito in periferia, alla Boscherona, da cui sono state fatte levare stavolta alcune tende che ospitavano persone di etnia rom.

Eppure, come era prevedibile, i clochard della Camera di Commercio sono già tornati. A partire da ieri pomeriggio avevano risistemato le proprie masserizie di fortuna ed erano di nuovo al loro posto. La linea dura del Comune dopo l’avvento della Giunta Allevi e l’insediamento del neo assessore alla Sicurezza Federico Arena dunque prosegue a suon di sgomberi. Anche se cvome all'ex Diefenbach i risultati a volte non sembrerebbero duraturi.

Gli agenti della Polizia locale sono andati intanto martedì mattina a sgomberare clochard e vagabondi che stazionano e a volte dormono proprio sotto i portici del palazzo che ospita la Camera di Commercio. In appoggio è intervenuta anche la polizia di Stato. 

«Siamo in linea con quanto chiesto da questa Amministrazione - spiega l’assessore -: per quella zona abbiamo ricevuto decine di segnalazioni, la situazione di degrado è evidente. Abbiamo sgomberato chi ci alloggiava abusivamente e abbiamo fatto ripulire l’area dalla ditta Sangalli. Le sue condizioni erano pietose, alle 10 del mattino c’erano persone già ubriache fradicie, al mio passaggio sono partite anche minacce nei miei confronti, che ovviamente non mi intimoriscono. Continueremo la nostra lotta al degrado per ripristinare la sicurezza in alcune aree della città».

Funzionerà? «L’intervento di ieri mattina non sarà certo risolutivo, ma non ci faremo scoraggiare: dobbiamo dare un segnale». Altri sgomberi sono già nell’aria, dall’inizio della nuova Amministrazione se ne sono già registrati almeno tre o quattro. «Proprio ieri pomeriggio gli agenti della Polizia locale sono andati a fare uno sgombero alla Boscherona, dove addirittura alcuni rom avevano allestito delle tende».