Monza, 7 agosto 2017 - I medici hanno cercato disperatamente di rianimarla, ma non hanno avuto nemmeno il tempo di caricarla sull’eliambulanza che Gea, 14 anni, residente a Monza, è morta tra le loro braccia. Fatali le ferite alla testa e alla schiena che aveva riportato cadendo da uno scoglio del litorale di San Gregorio - una delle più belle spiagge del Messinese, tanto che avrebbe ispirato Gino Paoli per le parole di “Sapore di sale” - a Capo d’Orlando dove da qualche giorno stava trascorrendo le vacanze con mamma (originaria proprio del centro del Messinese), papà e fratellino. 

La ragazzina, secondo una prima ricostruzione dell’incidente, giocando è scivolata all’indietro sullo scoglio giocando ed ha battuto violentemente testa. Fin dal primo momento le sue condizioni sono apparse disperate ai soccorritori. La corsa in ambulanza verso il porto di Capo D’Orlando dove era arrivato un elicottero del 118 che l’avrebbe dovuta trasferire a Messina, è stata inutile. È morta poco dopo essere stata caricata sull’eliambulanza. La vacanza si è conclusa in tragedia con una famiglia sotto choc, tutto si è svolto in un batter di ciglia. In corso i rituali accertamenti per definire la dinamica dell’incidente.