Milano, 10 novembre 2017 - Frode fiscale per 12 milioni di euro. Per questo, i militari della Compagnia di Seregno hanno denunciato alla Procura della Repubblica di Monza dieci imprenditori, titolari di numerose società operanti nel settore edilizio e della commercializzazione di rottami, che registravano ed emettevano fatture false con le quali veniva alterata la reale dimensione di cantieri edili, talvolta inesistenti, per giustificare l’acquisizione di tonnellate di rottami metallici.

I Finanzieri operanti hanno accertato un volume complessivo di fatture false di circa 12 milioni di euro ed imposte evase per 1.300.000 euro. Le attività sono state avviate quando, nel corso di una verifica eseguita nei confronti di una società di Desio (MB) operante nel settore della vendita di rottami, i militari hanno scoperto ed approfondito una serie di operazioni di acquisto sospette, documentate da fatture emesse da numerose imprese (tutte riconducibili alle medesime persone fisiche) con sedi operative nelle province di Milano, Brescia e Bergamo.

Per verificare la provenienza dei rottami movimentati, i verificatori hanno ricostruito i diversi canali di acquisto, risalendo ai singoli cantieri dai quali sarebbe stato recuperato il materiale di risulta. Attraverso mirate ricerche nei Comuni interessati (nelle province di Milano, Varese, Brescia e Bergamo) e l’invio di questionari alle società di costruzione, sono state riscontrate numerose anomalie: in alcuni casi i cantieri dichiarati dalle società fornitrici dei rottami all’impresa verificata erano inesistenti, in altri casi sottodimensionati rispetto al volume del materiale di risulta e in altri ancora le società venditrici erano diverse da quelle autorizzate allo smaltimento. A conclusione dell’attività ispettiva è stata quindi contestata l’annotazione, da parte della società brianzola, di fatture riferite sia ad operazioni mai avvenute, sia ad operazioni relative a soggetti diversi da quelli reali: le prime contabilizzate per abbattere il reddito imponibile, le seconde per nascondere acquisti di rottami effettuati “in nero”. Nel giorno di apertura della verifica fiscale, i militari hanno rinvenuto e sequestrato 52mila euro in contanti, nascosti in un armadio dei locali aziendali, di cui il titolare dell’impresa non ha saputo giustificare la legittima provenienza. Il sequestro è stato convalidato dalla Procura di Monza.