Seregno (Monza e Brianza), 26 aprile 2017 - Il punk internazionale, il rock e la musica elettronica. E poi la patchanka, il reggae, il pop, le sonorità psichedeliche e quelle balcaniche, oltre a un tributo al genio cantautorale di Lucio Dalla. Sono i concerti che animeranno da qui al fine settimana alcuni fra i migliori live club della Brianza. Al Tambourine di Seregno stasera alle 21.30 appuntamento con la rassegna "Fatti in Brianza unplugged", ovvero alcune delle migliori realtà del panorama indipendente del territorio in versione acustica: stavolta toccheranno ai sentieri incrociati di pop, rock ed elettronica con gli Edless, fra alternative, grunge e sperimentazioni electro; i Paper Pill con il loro indie-rock a tinte psichedeliche e richiami al sound sixties; i TheNemo con un pop elettronico. Ingresso a offerta libera con tessera Arci.

Domani alla stessa ora il palco di via Carlo Tenca sarà tutto per La Malaleche, band che mescola folk, rumba, rock, reggae e manouche dando vita a una patchanka da loro stessi definita "musica creola": in questa serata il gruppo affiancherà alla musica un videoreportage e una mostra fotografica per raccontare il progetto "Memoria Viva", un viaggio della memoria in treno ad Auschwitz insieme a 500 ragazzi di tutta Italia. Ingresso a offerta libera con tessera Arci. Venerdì, sempre alle 21.30, "Omaggio a Lucio Dalla" con la band Volpi senza Tana, con biglietto d'ingresso a 3 euro con tessera Arci.

Il punk internazionale sarà invece protagonista all'Honky Tonky - il club seregnese di via Comina - oggi alle 21 con la band canadese dei Belvedere, energetico gruppo punk di Calgary particolarmente apprezzato per il suo mix di ritmi veloci e melodia: a fasi alterne, da metà anni Novanta la band ha calcato le scene in America, Europa e Giappone. Ad accompagnarli ci saranno, da Atene, i Despite Everything, e dall'Italia i LineOut, per una doppia, ulteriore potente scarica di punk-rock. Biglietto d'ingresso 12 euro, o 15 euro con anche l'acquisto dell'ultimo lavoro dei Belvedere, l'album "The revenge of the fifth". Domani alle 21.30 l'Honky Tonky si aprirà alle band finaliste del contest organizzato dal Brianza Rock Festival: a sfidarsi lo ska-punk delle Sgabole, l'alternative-rock a tinte pop degli Westmoor e quello che flirta col punk dei Dead Beat Soul. Ingresso libero con tessera Acsi. Venerdì alla stessa ora i ritmi "in levare" del reggae, della dancehall, dello ska e del rocksteady con la serata "Kingston Academy" che proporrà i Fronte Crew e i Lion Pow Sound, con ingresso libero con tessera Acsi.

Sabato alle 22 tutt'altre atmosfere con alcune delle migliori band indie-pop, in primis i vincitori di Arezzo Wave 2016, i Sonars di Frederick Paysden e Serena Oldrati, tra rock psichedelico ed elettronica, o "astral pop", come lo definiscono loro stessi; ad arricchire il concerto i Push Button Gently, tra indie-rock, pop e psichedelia, e i Gecofish, power trio che fonde rock, punk e grunge infilandoci una sensibile venatura pop. Ingresso libero con tessera Acsi.

Al Bloom di Mezzago, infine, sabato alle 22 "Primal Night" con un triplo concerto sulle strade di rock ed elettronica: a esibirsi i Vanarin - una mescola di brit-rock, pop, electro e psichedelia -, gli Usual col loro mix di rock ed electro-pop, il duo di rock elettronico degli Electroadda. Biglietto d'ingresso 5 euro. Le sonorità dei Balcani e dell'Est Europa, quelle etniche e l'attenzione agli altri Paesi del mondo saranno poi protagoniste domenica sul palco di via Curiel con l'evento "Music 4 Aid - Quando la musica è solidarietà": si comincerà alle 17 con l'incontro dal titolo "Sud Sudan, punto di non ritorno?", un dibattito sull'attuale situazione in Sud Sudan con il giornalista di RadioPopolare Raffaele Masto e con il corrispondente Rai per l'Africa sub-sahariana, nonché responsabile della sede Rai di Nairobi, Vincenzo Nucci, che racconteranno quel che sta avvenendo in quel Paese del Continente Nero. Ingresso libero. A seguire, alle 18.30, "Apericena Etnico Solidale", e alle 21.30 live acustico con i Jingles in Trouble, duo che mischia rock, blues e pop. Dalle 22.15 ritmi balkan prima con i Barabba Gulash, che sposano le sonorità della musica italiana anni '60 con quelle della musica balcanica, e poi con i Babbutzi Orkestar e la loro trascinante miscela di balkan, musica gitana, rock, polka e attitudine punk. Biglietto d'ingresso 8 euro, 10 euro per la sola apericena e 15 euro cumulativo per apericena e concerti. L'intero ricavato sarà devoluto a sostegno dei progetti di beneficenza dell'Associazione On Off, che si occupa di interventi di solidarietà in Italia e all'estero.