Milano, 27 dicembre 2017 - San Siro si colora di rossonero: il Milan si qualifica per le semifinali di Coppa Italia battendo l'Inter 1-0 ai supplementari in una partita dei quarti di finale, giocata a Milano. I rossoneri affronteranno al prossimo turno la Lazio, in una sfida andata e ritorno. Una vittoria ottenuta grazie al gol di Patrick Cutrone al 104'. E così, festa, lacrime e commozione per un Milan finora mortificato e punito.

Vincitore morale del derby di Milano formato Coppa Italia è Antonio Donnarumma, eroe per una volta, portiere per due in serie A, fratello di Gigi, assente fra i pali per infortunio. Il Milan deve fare a meno di Marco Storari, portiere in seconda, che si fa male nel riscaldamento. Ma l'Oscar come attore protagonista Donnarumma lo condivide con Patrick Cutrone, quello da comparsa invece va a Joao Mario che si prende i fischi di San Siro, esce dal campo e forse anche dall'Inter che potrebbe decidere di cederlo nel mercato di riparazione, quello che non promette nulla di buono ai nerazzurri.  C'è un pò di malinconia nella serata del derby natalizio che dimostra la tesi di partenza: l'Inter è una squadra che faticherà a centrare la Champions senza rinforzi, il Milan a scalare posizioni in classifica anche se si vede l'impronta battagliera di Gattuso.

Spalletti muove qualche pedina sullo scacchiere, dà tregua a Borja Valero, rifonda la difesa (Ranocchia, Nagatomo Cancelo, Skriniar) e - in avanti - si affida a Icardi con il sostegno di Joao Mario, lento e svogliato. Il cannoniere nerazzurro non illumina San Siro ma Spalletti lo tiene in campo a conferma di una coperta troppo corta. Sull'altro fronte, si elevano Antonio Donnarumma e Cutrone, con Suso che fa sfoggio di qualità. Il centrocampista impegna più volte Handanovic, attento anche sul colpo di testa di Bonaventura al 19' su cross di Kessie. Al 24' l'episodio chiave: Guida consulta la Var e annulla il gol dell'Inter per un fuorigioco di Ranocchia. La decisione salva Donnarumma che aveva trascinato la palla in rete deviandola con il piede sinistro su tiro cross di Perisic. Ranocchia, in piena traiettoria, risulta in fuorigioco attivo. L'episodio sveglia i rossoneri e al 28' Handanovic respinge con una mano la conclusione a giro di Suso. Icardi si fa notare solo con un colpo di testa che finisce di poco alto. Dopo l'autogol annullato, Donnarumma sventa due palloni pericolosi sugli sviluppi di due calci d'angolo.

Nella ripresa, il portiere rossonero non sbaglia niente e si supera su Joao Mario al 15': sponda di testa di Icardi per il portoghese che da due passi calcia addosso al portiere, bravo a restare fermo. Spalletti cambia, inserisce Borja Valero al posto di Joao Mario. Il Milan crea tanto ma gli manca un finalizzatore. Gattuso richiama Kalinic, dolorante dopo un intervento di Skriniar, e rilancia Cutrone, scelta provvidenziale. Al 34', Suso colpisce la traversa. La partita si sblocca sul finire del primo supplementare, al 104'. Cross di Suso per Cutrone che batte Handanovic di prima intenzione. L'Inter non reagisce, il Milan risorge. Si abbracciano i fratelli Donnarumma, perfetta istantanea di una vittoria che ha il sapore della svolta. 

COPPA_OBJ_FOTO_27764266

GATTUSO: "VITTORIA FONDAMENTALE, MA STRADA LUNGA" -  "E' una vittoria che ci dà fiducia, ma se pensiamo che i problemi siano risolti ci sbagliamo. Dobbiamo guardare avanti e speriamo di recuperare le energie per fare punti anche in campionato". Così Rino Gattuso, allenatore del Milan, ha commentato ai microfoni della Rai la vittoria nel Derby contro l'Inter in Coppa Italia. "Venivamo da un periodo negativo, era una partita fondamentale e devo fare complimenti ai ragazzi", ha aggiunto il tecnico rossonero. "La squadra è cambiata tanto ma con il lavoro e il senso di appartenenza possiamo fare bene. La squadra ha le capacità, oggi abbiamo tenuto bene il campo battagliando e alla fine è venuta fuori la nostra qualità", ha concluso Gattuso.

Cutrone del Milan esulta per il golCUTRONE: "EMOZIONE INCREDIBILE SEGNARE AL DERBY"  "Pensare che ieri ero in Primavera e giocavo i derby, segnavo ed esultavo cosi'...Ora far gol con questo pubblico magnifico e' qualcosa di incredibile. Questa vittoria ci voleva per il morale, il derby non si puo' neanche descrivere come una partita normale. Ci godiamo questa vittoria, questo passaggio del turno e da domani pensiamo gia' alla Fiorentina". Così un commosso Patrick Cutrone, autore del gol che ai supplementari ha permesso al Milan di battere l'Inter e accedere alle semifinali di Tim Cup. "Il mio sogno e' stare in questa squadra, amo il Milan e voglio restare - aggiunge il giovane bomber rossonero ai microfoni di Rai Sport -. I miei movimenti? Sono determinati  da cattiveria e voglia di far gol. Sono entrato perche' volevo vincere, sono contento. La dedica e' alla mia famiglia, che mi sostiene sempre, i gol che ho fatto e faro' li dedico sempre e soltanto a loro".

LACRIME PER ANTONIO DONNARUMMA -  Non poteva immaginare miglior debutto con il Milan Antonio Donnarumma, fra i protagonisti del derby di coppa Italia vinto ai supplementari dai rossoneri, che si sono qualificati alla semifinale del torneo. Il portiere, promosso titolare per gli infortuni del fratello Gianluigi e della riserva Marco Storari, ha concluso la partita contro l'Inter trattenendo a stento lacrime gioia, dopo aver tenuto la porta inviolata e salvato il risultato in almeno due occasioni. Subito circondato dai compagni di squadra, Antonio Donnarumma si è goduto poi l'abbraccio del fratello minore, apparso claudicante per il problema all'inguine.

Tifosi Inter e Milan per il derbyI TIFOSI -Circa 50mila tifosi per la partita di questa sera. Le feste non hanno fermato l'entusiasmo degli appassionati di calcio milanesi che, ancora una volta e nonostante gli ultimi risultati deludenti e il maltempo hanno risposto presente all'appello dei due club. Quest'anno per la prima volta il campionato non si ferma, posticipa la sosta natalizia, una novità che si prospetta un successo almeno per la Milano nel calcio. Il pubblico meneghino ha sfidato il freddo, per sfruttare le vacanze di Natale, caricare rossoneri e nerazzurri e godersi due big match nel giro di una manciata di giorni. 

 

MILAN (4-3-3): A.Donnarumma 7; Abate 6 (8'st Calabria 6.5), Bonucci 6, Romagnoli 7, Rodriguez 5.5; Kessie 7, Biglia 6, Locatelli 5 (28'st Calhanoglu 6.5); Suso 7, Kalinic 5.5 (30'st Cutrone 7), Bonaventura 6
In panchina: Soncin, G.Donnarumma, Andre' Silva, Borini, Zapata, Montolivo, Musacchio, Paletta, Antonelli.
Allenatore: Gattuso 7
INTER (4-2-3-1): Handanovic 5.5; Joao Cancelo 6, Ranocchia 6.5, Skriniar 5.5, Nagatomo 6; Vecino 6.5, Gagliardini 5.5 (30'st Brozovic 5); Candreva 6 (10'pts Eder sv), Joao Mario 4.5 (22'st Borja Valero 5), Perisic 5; Icardi 5
In panchina: Padelli, Berni, Karamoh, Santon, Dalbert, Lombardoni, Pinamonti.
Allenatore: Spalletti 5.5
ARBITRO: Guida di Torre Annunziata 6
RETI: 14'pts Cutrone
NOTE: serata fredda e piovosa, terreno scivoloso, spettatori 50mila circa. Ammoniti: Locatelli, Biglia, Skriniar, Cutrone, Vecino, Borja Valero. Angoli: 13-11 per il Milan. Recupero: 1'; 4'; 1';