Milano, 9 novembre 2017 - Disastro totale e su tutti i fronti per l'Olimpia in Eurolega crollando letteralmente in casa per 62-94 contro lo Zalgiris Kaunas in quella che si pensava potesse invece la nuova alba europea di Milano. Non c'è proprio nulla da salvare per la squadra di Pianigiani che, a parte il primo quarto, praticamente non gioca neanche la partita. Non ha intensità in difesa, senza idee in attacco, così diventa difficile essere presentabili a questo livello. Meglio distrarsi per un attimo, allora, e pensare a quel potrà dare Curtis Jerrells con il suo nuovo numero 55 biancorosso ("Giocare per un coach che mi ha già allenato aiuterà moltissimo il mio inserimento in tempi molto rapidi") presentato prima del match. I lituani vincono e per effetto del successo dell'Efes a Barcellona, l'Olimpia è già sprofondata sul fondo della classifica.

Questa volta non c'è proprio nessuno che si salva, neanche il miglior realizzatore Goudelock (13 punti, ma 9 nei primi 5 minuti) perchè l'approccio è davvero deludente e l'apporto offensivo e difensivo (65% da 3 concesso allo Zalgiris) è da codice penale. Così non può funzionare, toccare il -32 in casa è davvero pessimo segnale. L'inizio biancorosso è tutto firmato Goudelock e con le triple dell'americano l'Olimpia ottiene il vantaggio (14-11), con i liberi del play Theodore che danno poi il 20-16 all'8. Finisce qui praticamente la partita dell'Armani Exchange che in chiusura di primo periodo incassa un break di 0-9 con la tripla sulla sirena di Ulanovas (20-25). Il problema è che è solo l'inizio del baratro perchè l'Olimpia si prende sul groppone un maxi parziale di 4-31 che cancella ogni sua speranza. Lo Zalgiris arriva ad un passo dal doppiare i padroni di casa sul 24-47 con Pangos grande protagonista, mentre i milanesi all'intervallo si avvicinano leggermente (31-50).

Alla ripartenza Milano scatta con Goudelock e Theodore sul 35-50, ma poi tutto torna alla normalità del match perchè la difesa milanese è davvero tenera e con le triple dei veterani Milaknis e Jankunas i biancorossi crollano di nuovo in modo ancor più fragoroso sul 41-70 che chiude il terzo quarto facendo l'impossibile, ossia fare ancora peggio dei quarti precedenti. Arriva sul 49-86 il massimo vantaggio lituano a inizio quarto periodo con l'ennesima gragnuola di triple dello Zalgiris, mentre il pubblico del Forum sfolla deluso già ancora a partita in corso e fischia sonoramente. E domani c'è già la Serie A con la trasferta di Trento. 

A|X ARMANI EXCHANGE MILANO-ZALGIRIS KAUNAS 62-94

20-25; 31-50; 41-70

MILANO: Goudelock 13, Micov 7, Pascolo, Kalnietis, Tarczewski 2, Cusin ne, Abass, M'Baye 2, Theodore 11, Jefferson 4, Bertans 2, Gudaitis. All. Pianigiani

KAUNAS: Davies 12, Bost, Pangos 9, Toupane 8, Jankunas 11, Masiulis, Milaknis 11, Micic 3, White 4, Kavaliauskas 2, Valinskas, Ulanovas 10. All. Jasikevicius

Tiri da 2 MI 15/35 ZK 19/35 Tiri da 3 MI 7/31 ZK 13/20 Tiri liberi MI 11/14 ZK 17/20 Rimbalzi MI 31 (Tarczewski 10) ZK 38 (Jankunas 5) Assist MI 9 (Micov 2) ZK 23 (Micic 7).